Seleziona una pagina

mutande

Dopo aver fatto report di ragazze approcciate in street game (#17 e #20), in social circle game (#18) e in dance game (#19) è arrivato il momento di Tinder.

Avendo avuto poco tempo per uscire ultimamente mi sono buttato interamente su questa piattaforma. Per ottenere risultati è molto più facile pagando. Avere delle belle foto e una buona descrizione sono indispensabili, ma spesso non sono abbastanza.

In particolare, avevo deciso di provare sia l’abbonamento gold che i boost. Facendo l’abbonamento gold oltre ad avere vari superlike, hai anche la possibilità di vedere chi ti mette like. In questo modo puoi matchare a colpo sicuro. Inoltre con i boost hai molta più visibilità e più probabilità che ti matchino.

Piccola nota: ieri ho speso 20€ per entrare in discoteca. L’abbonamento gold per un mese e un boost più o meno costano uguale. Quindi considerato gli altri tipi di game, in proporzione, è quasi economico.

Comunque, usando entrambe queste cose matcho questa ragazza. Essendo la chat piuttosto breve ho pensato di postare la chat integrale. In questo modo, chi ha interesse, può vedere un mio chat-game da apertura al date commentato.

A chi non interessa, riassumo.

TL;DR

Imposto sin dall’inizio un frame di sfida. L’idea è proprio un continuo braccio di ferro tra chi dilanierà l’anima a chi. La lotta non è banale. Tenere un frame così è difficile.

Ma lei ha 28 anni e vuole giocare. Vuole scopare si… ma vuole scopare da vincitrice.

Io sono molto diretto e a tratti spregiudicato. Mi gioco ogni mia carta per risultare una testa di cazzo che ti apre in due. Mi auto squalifico come possibile partner reale quasi in ogni modo.

Proprio per questo modo ottengo il date il giorno dopo che l’ho aperta.

Chat game completo

Per te che hai deciso di leggere il mio chat-game piccola premessa: sarà un po’ traumatico. Quindi siediti comodo e preparati psicologicamente.

intro tinder 9  intro tinder 1

Comincio a qualificarla violentemente. Divertente che non riesco a risponderle subito e mi manda addirittura un doppio messaggio (“Too much too soon?”). Si vede che sono partito veramente forte. Il frame è veramente di sfida a chi è una persona peggiore tra me e lei.

intro tinder 2   intro tinder 3  intro tinder 4

Qui mi squalifico e allo stesso tempo imposto il frame: “ti distruggerò psicologicamente”. A quel punto puoi avere due reazioni. Una chiusura emotiva o una gran voglia di lottare per riuscire a capire chi ne uscirà vivo tra me e lei. In questo caso lei si gasa e rilancia.

Notare poi come con questa scusa sessualizzo violentemente quasi da subito. Pariamo del quinto messaggio. Tuttavia in modo molto contestuale e con eleganza. Non è necessario sessualizzare così presto e spesso non lo faccio… ma questa sembrava molto diretta ed esplicita. Meglio non perdere tempo.

Notare poi come alterno la violenza del sesso alla dolcezza delle coccole.

intro tinder 5   intro tinder 6

Qui lei mi dà un IOI colossale. Più che un indicatore di interesse sembra un “hai vinto, ora non fare cappelle e mi scopi”. Proprio per quello decido di essere esplicito e diretto al limite del rischioso. Ovvero dicendole esplicitamente che voglio fare sesso con lei. Sto giocando a carte scoperte… proprio perché non voglio giocare.

intro tinder 7   intro tinder 8

Number-close e trovata su facebook

Si continua a qualificare. Chiedo il numero ma perché realmente mi stavo perdendo le notifiche per strada. Normalmente non lo faccio, anche perché non c’è alcuna fretta o motivo altrimenti per uscire da Tinder. Hai comunque un canale di comunicazione che funziona finché lei ha interesse.

Schermata 2017-09-09 alle 17.05.28

Continuo a qualificare, specialmente a livello fisico. Oltre che sul suo lavoro.

Schermata 2017-09-09 alle 17.05.38

Qui spingo per conoscerla. Lei ha voglia di cazzo. E ce l’ha adesso. O sono io a segnare il goal… o sarà qualcun altro. Ogni minuto che aspetti su Tinder è un match in più che le arriva. Potenzialmente da uno più figo di te.

Schermata 2017-09-09 alle 17.05.47 Schermata 2017-09-09 alle 17.05.54 Schermata 2017-09-09 alle 17.06.02Schermata 2017-09-09 alle 17.06.11

Notare un passo molto importante. Dopo il “che chic” ho smesso di rispondere. Può sembrare banale ma molti avrebbero continuato a scrivere o si sarebbero affrettati a scrivere “ciao ora vado” ecc. Devo mantenere l’attraction. Che cagata. Qui lei comincia a rispondere a monosillabi. Location, orario, tutto è già stato definito… fine.

Infine, piccole cavolate sul fatto che stesse arrivando.

TIM ti odio

Esco di casa, faccio due passi e mi arriva un messaggio della TIM: “il tuo internet è esaurito”.

Cazzo, ora pure l’internet va in ferie. Che roba è. Bestemmie. Basta usare Tinder senza Wi-Fi. Mai più.

Cammino verso la stazione pensando a una soluzione e mi torna in mente il solito piano B. Ricarica al volo del cellulare e acquisto di 1GB di internet supplementare.

Le scrivo al volo e la aspetto. Compare all’uscita dalla metro in un bel abito nero. Cavolo, è pure più carina dal vivo che non dalle foto. Che culo, finalmente una gioia.

Sono così contento che parto ad abbracciarla all’istante. Anche se spesso non si pigliano benissimo ad alcune piace. A lei no. Aggiusto le misure e smetto di farlo, mentre compra un ombrello dai marocchi.

Location

nick's

Quando si affronta un day1 con l’idea di fare sesso bisogna avere una logistica a prova di bomba. Ho fatto salti cosmici nel vuoto… ma è inutile farsi del male.

La porto dunque da Nik’s. E’ un bar dove faccio solitamente colazione essendo letteralmente sotto casa mia. Non ho idea se facciano anche cocktail.

“Cioè tu mi stai portando lì che non ci sei mai stato… sono forse la tua cavia?!?!”

can I mute you

Ignoro la cazzata e tiro dritto verso il Nik’s. Potevano anche fare i drink più cessosi di tutta Milano, non me ne sarebbe fregato un cazzo.

Per sua fortuna il posto era carino come lo immaginavo. E i drink erano pure molto buoni. Male. Ne ordinerà 3 nel corso della serata. Più il mio.

Fai passare il tempo, fai passare il tempo…

L’unico obiettivo del date dovrebbe essere questo: far passare il tempo. Non devi convincerla, non devi fare attraction, non devi neanche necessariamente fare comfort se non ti va.

lei ti vuole

trombamiiiiii…

Specialmente in questo caso dove ho già esplicitato l’intenzione di fare sesso con lei… basta aspettare. E fare due chiacchere come una persona normale.

Il problema è che non sono una persona normale. Cominciamo a parlare un po’ di tutto. Le parlo delle mie ex. Le racconto persino che una mia ex adesso abita nella mia vecchia casa a Padova. (E forse ci legge pure, ciao #12 <3).

Stronzate

A una certa le dico che ormai stiamo assistendo alla devirilizzazione dell’uomo. Oltre ad affermare che si stava meglio nel 1900.

Lei: “Ma nel 1900 le donne non potevano neanche votare!”

Io: “Appunto”.

A quel punto lei mi guarda no male. Malissimo. Mi racconta che sua madre è una femminista di quelle potenti. Di quelle da corteo. Da lanciafiamme.

sai quanto me ne frega

sai quanto me ne frega…

Lei: “Sai… una normale se ne sarebbe già andata.”

Io: “Io sono convinto che se ti piaccio ti devo piacere per come sono. Se non ti piaccio te ne puoi anche andare, non importa. Mi sto totalmente convincendo di essere bello. Perché sono così coglione che comincio a pensare che i miei amici abbiano ragione quando dicono che scopo solo per quello.”

Lei mi guarda con due occhi come se pensasse “non può averlo detto veramente”.

Lei: “…beh. Per essere bello dovresti avere almeno 10cm di più”.

Stavo per rispondere “intendi di pene? Hai ragione. Ma ho guardato, allungarselo è troppo rischioso. Preferisco averlo piccolo”. Ma mi trattengo.

Ma è un danno che è stato solo posticipato.

Usciamo che doveva fumare. Guardo le sue tette tonde, avvolte perfettamente nel vestito. Avrei voluto trombarla di violenza e cattiveria.

Comincia a parlare di come non me l’avrebbe mai data. Di come conosce quelli come me. Di come non dovrei andare con le 18enni ma con le 28enni come lei. Povere, si innamorano.

A quel punto mi scatta il “troia parli troppo basta ti prego smettila” frame. Non ne potevo più. La prendo per i fianchi, mi avvicino e la bacio. Kclose.

Una cosa va detta. Bacia veramente da Dio. Rallento e la seguo. Ci immergiamo in una fase mistica in cui siamo completamente connessi. Sarebbe stata una gran scopata. Sicuramente.

Uscire il cazzo

A un certo punto se ne esce dicendo che in un uomo ci sono tante cose importanti. Blablabla “…tra cui il pene. Anzi, il pene è quantomeno fondamentale. Eppure lo vedi solo quando ormai è troppo tardi”.

size matters

La guardo, serissimo in volto, con lo sguardo da stronzo figlio di puttana: “Pensa, un po’ di tempo fa sono andato a letto con una ragazza. Mi ha messo la mano sul pacco e ha esordito con ‘ahah! Ce l’hai piccolooo’… ma lei faceva per scherzare. Poi mi ha messo la mano nei pantaloni e… ooooh! Si, ce l’avevo piccolo sul serio. Ha riso per minuti. Stavo quasi crepando dal ridere”.

Serio. L’ho detto serio, sorridendo. Lei che mi guardava stile “ma quindi… devo tornare a casa?”

Lei: “Mostrami una foto del tuo pene. Tutti voi uomini avete una foto del vostro pene”.

Io effettivamente una foto del mio pene ce l’avevo.

Filippo: “Dio*ane ma che cazzo le hai detto. Ma io volevo scopare. Ma porca puttana. E ora questa mi chiede la foto dell’uccello. Ma tu sei tutto deficiente. Adesso che faccio? Non glielo mostro e me la brucio… o le mostro la foto del cazzo!??! In mezzo al locale? Che io pure ce l’ho veramente piccolo!!”

.screen: “Lo sai vero? LO SAI VERO!? E’ questa l’occasione. E’ questa l’occasione perfetta per te, me e tutti i nostri fratelli. Per noi dal cazzo piccolo. DEVI FARCELA. REDENZIONE. LIBERAZIONE. EGUAGLIANZA!”

Filippo: “Ma checcazz… ma ti sei rincoglionito?? E’ un mese che non sborriamo diobono! Ma ti pare questo il momento adatto per urlare eguaglianza e altre minchiate!?! E’ ora di scopare. CHIUDERE CAZZO.”

.screen: “Sei proprio una sega porca troia. Questo è il momento più importante di tutta la tua misera vita. Avrai il ruolo più importante nella storia intera. DIMOSTRARE CHE LA DIMENSIONE DEL CAZZO NON CONTA NULLA. Devi farcela. Devi farcela. Per noi. Per noi.”

Filippo: “Eh devo farcela si cazzo! Ormai hai fatto un bordello della madonna per una minchia. Ma tu stare zitto porca di quella troia no eh? Dovevi proprio tirare fuori sta storia del cazzo!?! Ma che, ti pare?!?! Sei proprio un rincoglionito”.

Nota: questa conversazione interna è avvenuta realmente. Mentre scorrevo le foto alla ricerca della foto del mio misero pene. Con la mano destra tremante.

.screen: “Senti ora non farla più lunga del necessario. Le mostri la foto del cazzo e buonanotte. Ti fidi di me? Ti fidi della mia pluriennale esperienza in psicopatiche e morte di pene? Tranquillo, ti assicuro che andrà tutto per il meglio”.

Filippo: “Si ma…”

.screen: “Si ma un cazzo… ce la puoi fare oppure no?”

I can do it

Isolation

Ormai ce l’avevo. Avevo la foto sul cellulare. Tra le mie mani. La guardo negli occhi. Lei stava aspettando.

Premo sulla foto, la apro. Cerco di non farle vedere che avevo le mani tremanti e gliela mostro. Sorridendo fingendo totale freddezza e sicurezza di me stesso.

Lei la guarda. Mi guarda.

“Vado in bagno”. E si alza.

walking away

Filippo: “ecco, sei un coglione”.

.screen: “ma vai tranquillo che adesso torna… cazzo vuoi che sia successo. Sei in state, sei figo, sei tranquillo… dai cazzo.”

Filippo: “le ho appena fatto vedere la foto del mio pene. E si è alzata ed è andata in bagno. Forse. Se non è già scappata. DIOC*NEEEE!”

.screen: “sei sempre la solita mezza figa”.

Sta tornando. Sta tornando.

E’ già qualcosa.

Sta tornando… la guardo. Sorridendo. Il sorriso di chi sa che se la scoperà.

Forse.

Probabilmente no.

“Dai vai a pagare. Andiamo da te.”

Sesso

.screen: “Dillo”

Filippo: “Ma dillo cosa.”

.screen: “Dillo che sei un coglione e che ancora una volta ti ho fatto scopare. Dillo per favore.”

Filippo: “Ma va a cagare va”.

Entriamo in casa. La spoglio. Cominciamo a baciarci. Baciarla è quasi un’esperienza mistica. Il tempo si ferma, si rallenta. Cominciamo a baciarci lentamente. Come due anime che finalmente si ricongiungono.

Deve aver fatto un percorso interessante per arrivare a quel livello di consapevolezza. Di connessione. Di presenza.

Mi viene un’erezione della madonna senza il minimo sforzo. Mi tiro giù i pantaloni.

Crepa dalle risate. Si, avevo esattamente le mutande di cui avevamo parlato in chat. Della sua compagnia.

.screen: “E’ troppo bello quando capiscono che l’ho sempre saputo che l’avrei trombata.”

Filippo: “Egalitè, fraternitè, per favore taci grazie”.

Me le tolgo. Lei si riprende e mi fa pure un pompino della madonna.

Stavo cominciando ad amarla. Fantastico. Prendo un preservativo al volo e dopo avermi fatto spompinare un po’ glielo metto dentro.

#21

Il sesso con lei era veramente bello. Mentalmente era esplosivo, era come se finalmente mi si stesse lavando via tutta una serie di disagi e stress che avevo accumulato. Non eravamo ai livelli di #13 ma ci avvicinavamo pericolosamente. Dopo un po’, proprio quando sta venendo, me ne vengo anche io. Soliti 10 minuti standard.

La vedo un po’ delusa. Le chiedo “hai mai squirtato?” e lei comincia a sorridere. E una… e due… e tre… sarà venuta minimo 6 o 7 volte.

Mi viene voglia ancora. E riprendo a scoparmela. Ci do dentro ma sono troppo sensibile ormai all’uccello e non riesco più a venirmene di nuovo. Che palle. Lasciamo perdere.

Fa come per andarsene ma la richiamo che volevo un abbraccio. La guardo come si guarda un rincoglionito e le faccio “tranquilla, non mi innamorerò di te”. Viene e ci abbracciamo un per un po’.

La saluto.

Follow up

viandante nebbia

Esco, faccio casino il weekend… e torno a casa.

Penso a lei. A #13. Penso ai suoi occhi. Penso a quando mi baciava. A quando ci vedevamo sotto casa sua. E mi guardava come si guarda la persona più importante della tua vita. Quando la accarezzavo e mi immaginavo di avere i miei figli con i suoi occhi. Mentre mi abbracciava mentre giravamo in vespa assieme.

Tra le mani intanto ho il cellulare. Sto scorrendo Tinder.

Minchia… ma questa figa atomica chi è?

E’ lei. E’ #21. Ma che foto da fregna suprema non ha messo. Mhm… e se le scrivessi?

Le scrivo. La chat dura due messaggi.

Mi visualizza un messaggio normalissimo.

Ero appena stato scopato a sfregio.