Seleziona una pagina

Com’è possibile? Ancora una grande idea, una grande proposta, un grande progetto… ancora un fiasco incredibile. Perché? Perché?….

Parliamo di fallimento. Il fallimento non è altro che il concretizzarsi di un disallineamento tra quella che è la realtà effettiva e la realtà che noi, nella nostra mente, ci siamo disegnati.

Il fallimento è un gran bel momento. E’ un momento in cui facciamo i conti con la realtà e ci rendiamo conto che… i conti non tornano. Che c’è qualcosa da cambiare. Che c’è un cambio di mindset, risorse, innergame o outergame o whatever… ma si, i conti non tornano. C’è qualcosa da cambiare.

Molti, giustamente, mi hanno detto nel tempo di essere instabile, contraddittorio o oscuro in certi passaggi. Il motivo è abbastanza facile: ho fallito un sacco. E ogni volta che ho fallito, ho cercato di capirne i motivi e cambiare la mia prospettiva.

Se penso alla mia visione della seduzione anche solo di un anno e mezzo fa… era totalmente differente. Se penso alla prospettiva che avevo nel 2015… mi viene anche solo da piangere 🙂 non perché adesso tutto funzioni perfettamente in modo millimetrico. Ma perché nel 2015 era già tanto che riuscissi a parlare con le ragazze senza che mi insultassero da quanto avevo la testa piena di cavolate.

Ora sono figo, realizzato, perfetto, incredibile, le scopo tutte al solo tocco di dita o ho la relazione perfetta, magica, che tutti vorrebbero?

…No.

Ci sono momenti in cui sono triste. Ci sono momenti in cui la mia relazione, semplicemente… non funziona. Oppure, tornassi single, molte ragazze mi rifiuterebbero. E anche per settimane le cose non funzionerebbero. Potrei venire mollato oppure soffrire oppure restarci male, ecc. Potrei e fallirò ancora, sicuramente. Sono semplicemente.. umano.

Questo blog vuole solamente racchiudere tutte le mie esperienze. I concetti che nel tempo ho fatto miei. Che nel tempo mi hanno permesso di avvicinarmi sempre di più ad avere una visione funzionale che mi permette di ottenere molti più risultati rispetto a prima.

Una sorta di compendio di tutti i miei A/B test sulla vita e sulla seduzione. Poi ognuno deciderà liberamente come sfruttarli e come usarli.

Guru

il bello di essere un guru

La parte più difficile dello scrivere contenuti è che per farti figo ti viene da scrivere la “guida definitiva”, il “compendio” o altre stronzate. Convinto totalmente di aver raggiunto ormai la totale certezza in un dato argomento. Purtroppo la realtà spesso è mutevole, con tante tonalità di grigio. E spesso, dopo aver preso un po’ di mazzate, le tue certezze incrollabili… qualche dubbio te lo fanno venire.

Cercherò dunque di portare il più possibile la mia esperienza e quella dei miei studenti. Con dati il più possibile oggettivi e con le mie analisi sui dati. Analisi che sono la mia personale visione, ma che possono permettervi di aumentare notevolmente i risultati nei vari campi. Perché così è stato per me e così è stato per molti ragazzi che ho seguito.

Odio vs Amore

condividi amore non odio

La cosa che è davvero cambiata in tutto questo tempo è una cosa molto banale: ovvero il motivo per cui facevo le cose.

Prima pensavo che le donne volessero solo distruggermi e cercavo dei modi per “gestirle” e “vendicarmi” dell’odio che ricevevo. In realtà ero io il primo a non amarle e a cercare di distruggere la relazione in ogni modo.

Lo stesso lo applicavo nel mio rapporto con la seduzione. Con gli altri. E nel lavoro.

Il risultato è l’aver scritto un sacco di post incazzati il cui focus reale non era quello di trasmettere informazioni ma quello di “smerdare” quanto tizio e caio fossero degli inetti idioti che non ci capivano nulla. Mentre io ero l’unico superfigo geniale che aveva capito tutto della vita.

…si, come no 🙂

Questo mi ha portato anche ad avere notevoli difficoltà nel lavoro. Con il risultato che ho dovuto focalizzare tutte le mie energie per risolvere questi problemi prima di venirne letteralmente… schiacciato. Vista la situazione ho dovuto dunque abbandonare alcune cose, tra queste è finito di mezzo anche il blog.

Inoltre, il motivo per cui poi finivo per chiudere per l’ennesima volta il blog era proprio questo. Non capivo perché mai tutto questo odio e rancore che tramutavo in post non mi portasse a questa grandissima gloria e magnificenza che sentivo essere mia. Proprio perché ero così tanto figo, incredibile e intelligente…

🙂

Quindi… come cambierà il mio approccio in generale alla seduzione e, in particolare, a questo blog?

Il futuro

Il futuro del mio blog

L’idea è quella di fare un sito molto semplice e lineare che parta da dei concetti chiave. Espandendoli e chiarificandoli. Lasciando, eventualmente, la possibilità a chi volesse di essere seguito personalmente da me. Per avere un feedback diretto se i cambiamenti che sta apportando alla sua vita sono realmente la cosa migliore e sta andando nella direzione giusta oppure no.

I concetti chiave andranno in questa direzione:

  • Estetica. Dalla fotografia all’allenamento in palestra. Come avere la migliore forma fisica possibile e come venire da 10 in foto. Purtroppo o per fortuna l’estetica, in seduzione, è un punto fondamentale.
  • Salute. Annesso al discorso precedente andremo ad analizzare, anche con il supporto di professionisti certificati, le cose che stanno distruggendo la tua postura, la tua mobilità e ti impossibilitano anche solo di camminare in un modo efficace. Rendendoti sostanzialmente un catapecchia con le stampelle.
  • Carriera e soldi. In molti casi mi rendo conto che il problema principale è che le persone che si avvicinano al mondo della seduzione guadagnano 300€ al mese o persino meno. E’ ovvio che senza un forte flusso economico è impossibile ottenere ottimi risultati in quella che è la seduzione in generale.
  • Innergame e Mindset. Dal titolo anche di questo blog, andremo ad approfondire i motivi per cui il modo interpreti la realtà ti fa soffrire e non ti fa ottenere i risultati che vuoi davvero.
  • Outergame. Incredibilmente ho notato come aver aggiunto esercizi meramente di outergame abbia portato le persone che seguo ad avere un miglioramento esponenziale sia nei risultati ma anche nel loro innergame. Per questo vedremo tecniche di improvvisazione teatrale e non solo per farti ottenere dei risultati che pochi mesi prima avresti ritenuto impossibili.

Palestra ed estetica

io che faccio palestra

Un altro dei motivi per cui chiudere ha avuto i suoi risvolti positivi è che ormai il 90% dei miei consigli vertono sul ristabilire un fisico corretto. Sia in termini di postura, che di dolori, che di massa fisica. E quindi un’estetica il più ottimizzata possibile. Anche per persone che non hanno un focus diretto sulla seduzione ma magari sul lavoro o altro.

Tuttavia, le mie conoscenze in materia e i miei risultati sull’argomento erano ancora embrionali. Avendo invece ottenuto recentemente ottimi risultati sulle varie alzate (facendo powerlifting e non bodybuilding) mi sento di aver raggiunto un livello sufficiente per poter parlare di alcuni concetti con delle basi. E senza dire cose campate per aria.

Flame, dissing, etc.

Marracash

I concetti che porterò, purtroppo, saranno molte volte anche diametralmente opposti a quello che potete leggere in giro.

Purtroppo no, non penso che le relazioni multiple siano la via. No, non penso che fare sesso con 100 o più ragazze ti renda figo o un grande o qualcuno in generale da stimare. Come non penso che avere un harem o fare dei threesome o fare ONS (One Night Stand, sesso la sera stessa) siano cose in generale che arricchiscano la tua vita o ti rendano in un qualche modo “speciale”. E purtroppo no, non penso che essere un “maschio alfa” ti dia un vantaggio competitivo con le donne. Anzi, per molti versi peggiora tantissimo i tuoi risultati con loro.

Ecco, parlo di tutte queste cose perché… in varie salse le ho fatte. E penso di avere ormai la piena consapevolezza del dire che magari sul momento si. Mi sono sentito figo e mi sono sentito felice. Ma la cosa è sempre stata molto evanescente. Per poi infrangersi appena incontravo una ragazza che mi piaceva davvero di cui mi innamoravo.

Il mio obiettivo ora è infatti quello di creare un sito internet che può essere un punto di riferimento per la crescita personale applicata in ambito relazionale. Ponendo la relazione come focus del lavoro.

La mia consapevolezza in tema relazionale è perfetta? In realtà no. Ci sono ancora delle falle e delle cose che devo imparare e sistemare. Ma penso che questo sia il bello di un blog. Perché è possibile anche apprezzare il percorso che uno fa nel tempo. Acquisendo progressivamente nuove conoscenze.

Tuttavia, tutti gli atteggiamenti prima citati non siano da condannare in modo assoluto. Per certe persone fare threesome o fare sesso con tante ragazze può essere utile per capire qualcosa di se stessi. E ho insegnato ad alcuni ragazzi che seguo come approcciarsi a queste tematiche in modo tranquillo e rilassato senza sentirsi a disagio o soffrirne. Il risultato è che molto presto si sono totalmente “annoiati” della cosa, finendo per giungere autonomamente a una visione più coerente e felice.

Per cui se avete imparato da altri siti a fare qualcuna di queste cose… beh, meglio 🙂 voleva dire che vi serviva imparare a farlo. La parte difficile semmai sarà uscire da lì e arrivare al livello dopo. Cosa che non molti fanno. Preferendo rimanere nel facile e prevedibile con un investimento emotivo scarso che non impegnarsi davvero in una relazione.

Pertanto, discussioni sterili della serie “le grandi cazzate che tizio e caio vi raccontano”, per quanto facciano parecchie views, non hanno senso di esistere. Non perché siano corrette o migliori, ma perché partono da un odio di base per tematiche che, sostanzialmente, non odio più. E anzi, ritengo essere una delle tante strade percorribili. E per alcuni, io incluso, sono (state) addirittura delle fasi necessarie per arrivare a un nuovo livello di consapevolezza.

In sostanza, il punto di arrivo che porterò avanti è quindi quello della “relazione stabile” il cui focus è aiutare la ragazza con cui stiamo il più possibile. Cercando di valorizzare i suoi punti forti e aiutandola, laddove lo volesse, a risolvere eventuali sue problematiche. Partendo sempre dal presupposto che è molto più conveniente investire e cercare di aiutarla piuttosto che mollarla e passare a quella dopo solo per far numero.

E’ facile? No, per un cazzo. E’ la cosa più difficile di tutte. Ma l’unica che davvero ha un senso in tema seduzione.

Facebook, instagram, forum…

mi sono rotto dei social

In questi anni il mio focus sui social è stato davvero importante. La mia voglia di discutere e, diciamolo, polemizzare era infinita. Ma, purtroppo, con l’età… mi sono un po’ stancato 🙂

Molto spesso certe argomentazioni sono portate avanti non per motivi reali, ma perché manca un set di esperienze che possa permettere a quella persona di apprezzare il tuo punto di vista.

Ovviamente vale anche il contrario. Ovvero che nel tempo magari mi sono scagliato violentemente contro tizio o caio convinto delle mie posizioni… non per cattiveria o altro ma totale mancanza di conoscenza di una certa dinamica o problematica che ancora dovevo pienamente affrontare.

Inoltre, i social incentivano tantissimo… la fallometria fine a se stessa. Guarda bro, alzo più di te di panca. Guarda bro, la mia fidanzata è più figa della tua ecc. ecc. Oltre al fatto che, purtroppo, in ambito seduzione tutti vogliono solo fare soldi. Raramente trovi qualcuno interessato a condividere contenuti. A migliorare il settore in senso più ampio. Sono tutti fissati che gli freghi i clienti e si cagano sotto se gli dici qualcosa. Perché, in fondo in fondo, sanno che il loro sistema fa acqua da tutte le parti.

E lo ammetto, anche io ho i miei punti deboli e le cose su cui sto lavorando. E sono anche tranquillo a dirlo. Ma guai se lo dici al super puttaniere x o y 🙂 parte una guerra nei social infinita. A colpi di sfottò di ogni genere.

Infine, i social sono il regno indiscusso dei leoni da tastiera e della gente che ha voglia di mettere zizzania a prescindere. Molti sono bravissimi a fare il commentino acido ma non troppo per non farsi bannare. Ma che ti porta a dover magari spiegare x o y giusto per non far vedere che sei un pirla come loro ti vogliono dipingere. Io poi in questo ero un mago, il bomber numero uno del commentino acido.

Ecco, mi sono rotto 🙂

Il bello di questo fantastico sito è che posso leggere tutti i vostri commenti. E… posso approvare i commenti oppure no, in base al mio gusto personale. Senza vedere tizio o caio che ti attaccano dicendo che gli cancelli i commenti o che non sai accettare le critiche blabla. Posso quindi decidere di ignorare in blocco tutta una serie di rotture di minchia che, oggettivamente, non aggiungono proprio nulla. Ne a me stesso, ne al progetto, ne agli altri che leggono.

I migliori sono poi quelli che ti commentano tipo “eh si bro, hai totalmente ragione, anche io ho capito che y, z o k…”… e niente, non ci hanno capito una mazza. E sei lì che non sai se commentare e spiegargli la rava e la fava o lasciar perdere e finire con il far passare che condividi il macello di stronzate che hanno detto ahah. Così tagliamo la testa al toro e il problema non sussiste.

Motivo per cui sono contento di aver chiuso i rispettivi social… e rimarranno chiusi, almeno per un bel po’.

Vuoi dunque continuare a seguirmi e non perderti nessun mio nuovo post? Iscriviti alla mia mailing list:

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Il discorso forum invece è diverso. C’è ancora il forum di innergame.pro. Tuttavia è diviso in due sezioni. Una parte free per persone selezionate. Un’altra parte a pagamento per chi ha percorsi attivi con me. Non aprirò altre forme di interazione gratuita oltre il blog proprio per evitare i problemi di cui sopra. E’ possibile invece che possa organizzare eventi in futuro. Anche questi però avranno una scrematura iniziale per evitare soggetti spiacevoli, com’è successo più volte in passato.

Soldi, grano… quindi?

soldi, grano, coaching

Ho deciso di cambiare totalmente approccio. Ovvero quello di ridurre notevolmente eventi o occasioni “pillola magica style” e incentrare molto di più il lavoro in una tipologia di coaching a costi notevolmente inferiori ma più sul lungo periodo.

Ho notato infatti che avere un approccio molto frontale al problema, stile “un incontro risolve tutto”… per alcuni può funzionare se hanno problematiche medio-piccole, ma per molti, soprattutto quelli più inguaiati, è un gran problema. Perché gioco forza non riesci a risolvere molti problemi lasciandoli di fatto da soli a smazzarsi il grosso della rogna.

Non escludo di organizzare ancora dei workshop o delle occasioni di incontro a pagamento “one shot” per chi preferisce questa modalità. A tendere però è un qualcosa che probabilmente diminuirò notevolmente o che darò come opzione esclusivamente a dei clienti già in essere.

Ora come ora invece sto avendo notevoli riscontri positivi da un approccio a lungo termine basato da un supporto costante sia su whatsapp che su dei diari tenuti sul forum che da coaching settimanali sia di innergame che di outergame per limare le varie problematiche e lavorarci in modo organico. Su questo comunque entreremo più in dettaglio in futuro.

Ma sei sicuro? Sicuro sicuro?

No, per niente. Ho cambiato idea almeno 5 volte prima di riaprire questo blog. Principalmente perché non mi sento arrivato, non mi sento un “Guru”, non mi sento qualcuno che ha la verità in mano.

I miei ragazzi però mi hanno fatto notare che forse è proprio per questo che dovrei tenere il blog. Perché almeno ora ne sono consapevole. E i contenuti partono da basi diverse.

Riuscirò a non chiudere il blog di nuovo settimana prossima? 🙂 sono aperte le scommesse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: