Seleziona una pagina

Dopo 5 anni sul campo e aver insegnato come rimorchiare in discoteca a molte persone… direi di essere uno dei più esperti dance gamer professionisti in Italia. Esistono tuttavia player ancora più forti di me. In questo articolo andremo ad analizzare le mie e le loro tecniche più assurde. Per riuscire a baciare in pochi istanti e fare sesso in pochi minuti con le ragazze in discoteca.

Intanto, partiamo dal definire un po’ di terminologia essenziale. Intendiamo con club game qualsiasi tipo di rimorchio che avviene all’interno della discoteca. Quindi dall’approccio in saletta fumatori, all’approccio sui divanetti (a volte nominato come “divanetti game”), all’approccio sulle scale (“scale game”), all’approccio sulla pista da ballo (“dance game”).

Il Metodo Mystery parla di club game, ma sconsiglia totalmente il dance game. Il dance game tuttavia può dare estreme soddisfazioni. Dal club game arrivano infatti #4 (ONS), #5, #6 (ONS), #7, #11 (ONS), #13, #14 (ONS), #19, #23, #25, #26 (ONS), #28 (ONS), #29 (ONS), #31. Oltre a più di Oggi vedremo come tutto ciò e molto altro è possibile.

Perché si preferisce rimorchiare in discoteca

Vuoi discutere di questi argomenti e rimanere aggiornato su ogni novità? Iscriviti gratis al nostro gruppo Facebook. 🙂

  • rimorchiare in discotecaL’approccio è generalmente molto più fisico. Questo permette di ridurre di molto le stronzate e andare velocemente al sodo. Molti dance gamer professionisti riescono anche facilmente a baciare una ragazza direttamente in approccio (entro 5 secondi dal primo contatto fisico). Anche in ottica ONS (One Night Stand, sesso la sera stessa), è un ambiente più predisposto a questo tipo di seduzione.
  • Molti usano l’alcol per caricarsi e per sedurre. Questo tipo di game lo rende molto più utilizzabile come soluzione. Anche perché in certe discoteche parte della clientela femminile è appunto più ubriaca. Va tuttavia sfatato il mito che le ragazze ubriache siano più semplici. Possono usarla come “scusa sociale” per fare ONS. Tuttavia, molte ragazze fidanzate, anche ubriache, mi hanno rifiutato. La maggior parte delle ragazze che ho sedotto erano totalmente o quasi totalmente sobrie. Con #13 per dire, il fatto che fosse ubriaca quando l’ho conosciuta (mentre io ero sobrio), mi ha dato problemi per 20 minuti buoni.
  • E’ possibile approcciare una gran quantità di ragazze. Questo tipo di game è chiamato game kamikaze ed è odiato dai dance gamer professionisti. Il motivo è che rapidamente le ragazze si indisporranno e ti prenderanno per uno sfigato se ti comporti così. Tuttavia, avere molte ragazze a disposizione permette di selezionare quelle migliori per tentare l’ONS.
  • Il buio riduce l’ansia d’approccio e le possibilità della ragazza di guardarti bene in faccia. Per questo motivo molti dance gamer anche non bellissimi hanno potuto raggiungere numeri altissimi in termini di chiusure.

Svantaggi del rimorchio in discoteca

svantaggi discotecaNon ci sono solo vantaggi nel rimorchiare in discoteca. Specie nel dance game. Alcuni di questi sono:

  • Dipendenza sempre maggiore dall’avere un approccio fortemente fisico con le donne. Tagliando molte stronzate già con una piroetta ben fatta, fai davvero fatica a voler tornare a fare verbale. E, dovessi farlo, ti manca tutto l’apparato di stronzate per agganciare un set per strada. Semplicemente perché in discoteca per agganciarlo magari fai una mossa della catena.
  • Se hai un approccio molto finalizzato alla ONS, comincerai a dipendere dalla God Mode selvaggia. Ovvero, comincerai a trovare innaturale rimorchiare quando sei scarico o non hai un livello di energia molto alto. Semplicemente perché in discoteca, spesso, con livelli di energia inferiori all’autoesaltazione totale vieni palato senza pietà. Questo non succede nella maggior parte degli altri ambienti.
  • Possibile dipendenza da sostanze. Quindi da alcol o droga, nel caso tu ne faccia uso per andare in state. Riuscire a divertirsi sobri quando nell’ultimo mese hai fatto uso di alcol o sostanze è psicologicamente molto provante.
  • Comincerai a maturare una fissazione esasperante per il fronte estetico. Spesso in discoteca si gioca tutto di percezione. Gioco di sguardi, piroetta, limone. Magari sono 30 minuti che vi fissate e hai dovuto ricevere l’approvazione di tutte le amiche semplicemente sorridendo. Difficilmente ribalterai un set andato male in club game, specialmente in dance game. La discoteca è il regno dell’apparenza e della superficialità. Altri tipi di seduzione esasperano molto meno questo fattore. Io sono arrivato a vestirmi in modi totalmente incoerenti con la mia personalità, fino a sembrare un drogato, per riuscire a sedurre le ragazze in certi tipi di discoteche (riuscendoci).
  • A meno di non andare a figa sempre ubriaco marcio, comincerai a gestire i maschi evitandoli in blocco. Anche nei set misti, la strategia migliore è andare ad arpionare la ragazza ignorando totalmente i maschi. Quindi sarà molto raro che avrai a che fare con qualche maschio sul campo. Per quanto anche in street tu possa ignorare i maschi, lì non è così irrealistico intrattenere un minimo tutto il set, maschi inclusi, prima di isolare il target.
  • Questo ci porta al fatto che, visto che i livelli di alcol sono mediamente più alti, ci sono anche maggiori probabilità di risse in discoteca. Io in 5 anni non ne ho mai fatta una. Zema circa una ventina. Dipende molto da quanto sei spregiudicato nel tuo gioco (e quanto sei ubriaco). Emblematica una volta che ero ubriaco al punto da non ricordare quasi nulla. Quella volta approcciai una ragazza che ballava con uno… dandogli una spallata e levandolo dal cazzo. Questo poi chiamò un suo amico enorme che mi mandò via con un calcio, per poi cominciare a rincorrermi nella disco. Per fortuna avevo 4-5 miei amici che mi difesero. La mia risposta, sul momento, fu una cosa della serie “deve ringraziare Dio che sono ubriaco. Altrimenti lo uccidevo”. Non esattamente il tipo di approccio mentale migliore per evitare risse.
  • Farai un po’ fatica a farti prendere sul serio. La maggior parte delle ragazze penserà che sei lì solo per scopare e basta. Da un certo punto di vista questo ci facilità il compito. Infatti per quello è più facile fare ONS e fare numeri importanti. Dall’altro lato però, sarà molto più difficile instaurare LTR e relazioni serie. Proprio perché l’approccio dall’inizio è difficile impostarlo in modo sia molto deciso che anche emotivamente profondo.

Curva di apprendimento e che risultati aspettarsi

Vuoi discutere di questi argomenti e rimanere aggiornato su ogni novità? Iscriviti gratis al nostro gruppo Facebook. 🙂

Nel rimorchio in discoteca ci sono molte correnti di pensiero diverse. Molti inneggiano al pensare al divertirsi. Altri invece vanno solo con l’obiettivo di fare più numero possibile. Io la vedo come Zema. Ovvero per me l’approcciare in discoteca fa parte del divertirmi e massimizzare i miei risultati è ciò che mi fa stare bene. Quindi le due cose non si escludono, anzi, coincidono. Quanto segue è un video molto carino di Tyler che parla di che “success rate” aspettarsi quando si parla di rimorchiare in generale.

Il problema di questa domanda è che, come in molte cose, la risposta è dipende.

I fattori principali da cui dipende sono:

  • abilità generale del player maturata fino a quel momento (quanti anni hai, quanto anni sei sul campo, quanto hai studiato, quanti corsi e con chi li hai fatti, quante sono le tue abilità di base, quanti soldi hai, quanto sei bello, ecc.)
  • Discoteca. E’ una location fighetta oppure una discoteca trash? E’ una discoteca piccola o una discoteca enorme? E’ pieno di maschi oppure è pieno di donne? Sei in vacanza oppure sei in una discoteca dell’entroterra di un paesino? Si conoscono tutti oppure sei tipo a Milano dove vengono da ovunque e di fatto non si conosce nessuno? E’ pieno di erasmus o sono tutti del posto? Ecc. ecc.
  • Hai intenzione di ubriacarti o fare uso di sostanze o di rimorchiare da sobrio? Per quanto rimorchiare da sobrio abbia innumerevoli vantaggi (sia su un fronte di salute, sia che sei più lucido, sia che hai meno impatto sul resto della tua vita, sia che spendi meno, ecc.) è inutile negare l’ovvietà. Chi fa uso di alcol, specialmente per lungo tempo, tende ad avere una curva di apprendimento minore e molti più risultati (per poi pagarla in cirrosi epatica).
  • Fuck-location. A quanto abiti dalla discoteca? Ti serve un mezzo per arrivarci oppure no? Ecc.
  • Se hai o meno una macchina fuori dalla discoteca.
  • Quanto tempo e soldi hai da dedicare al game. Ci sono persone che magari escono 6 volte a settimana per anni, magari in discoteche come la Baia Imperiale. E persone che vanno raramente in dei buchi di merda. I risultati da aspettarsi ovviamente sono nettamente diversi.

Quindi, a seconda di tutti questi parametri (e di quelli che puoi trovare in questo articolo), i risultati attesi possono variare di molto. Tuttavia, voglio darti un po’ di numeri per darti un’idea.

Questo è il grafico delle mie chiusure:

grafico delle mie chiusure

Considera tuttavia che non tutte le chiusure vengono dal dance game. Come puoi vedere, nel primo periodo le mie chiusure erano zero o quasi. Nel periodo di Padova stavano circa su una chiusura al mese. Su quello di Milano su circa due chiusure al mese.

La tua curva di apprendimento, se il tuo innergame è migliore, può essere più veloce. Specialmente se hai al tuo fianco qualcuno di molto bravo che ti insegna. Il primo anno comunque non aspettarti più di 1-2 scopate. Anche fossi bravo di tuo, ci sono tante cose da imparare. Dal ballo, al gestire la discoteca, a molto altro. E’ vero che player molto portati nel giro di un anno sono arrivati anche a fare sesso con una ragazza in media a settimana. Ma si tratta di casi molto rari e di persone con un innergame di base già devastante.

Se andiamo a considerare invece dance gamer più esperti e che, soprattutto, si dedicano a questa attività full-time le cose cambiano.

  • Zema, il più forte dance gamer di tutti i tempi. Nei tempi d’oro aveva una media realizzativa di 4 fclose al mese. Circa uno a settimana. Tuttavia, uscendo ubriaco perso 5-6 sere a settimana in locali come la Baia Imperiale. E avendo accesso a location della discoteca dove poteva fare sesso senza uscire dal locale.
  • Mr. Cacciatore, fratello separato alla nascita di Zema. Ha dichiarato di recente di aver chiuso una settimana con 5 fclose in 7 giorni. Presumibilmente non andando a rimorchiare tutti e 7 i giorni. La sua media sicuramente non è di 5 a settimana, ma minimo 1-2 lo è sicuramente. Va però detto che sostanzialmente fa quasi solo quello e vive in funzione di quello.
  • Ale King, uno dei player più forti di Milano. Per quanto non sia un dance gamer puro ma faccia più generalmente club game e anche street game, è appena tornato da Mykonos facendo sesso con 5 ragazze in 5 giorni. E’ vero che ha fatto game praticamente continuamente, sia street che club game. E che si trovava in vacanza.

Riassumendo quindi, anche da sobrio, puoi aspettarti in posti come Milano di fare sesso con 2 o 3 ragazze nuove al mese se esci 2-3 volte a settimana e hai un livello di game alto. Anche in locali normali, non necessariamente super trash. In discoteche più sfigate ovviamente i numeri diminuiscono fino a 1 ragazza nuova al mese o meno.

Storia del dance game dagli albori ad oggi

storia del rimorchiare in discotecaSe non ti interessa, puoi tranquillamente saltare questo capitolo. Tuttavia, voglio elencare tutti i report, tutti i momenti che hanno fatto la storia del dance game italiano. Dandoti anche link utili per ottenere informazioni su questo mondo.

A causa di Mystery, questo tipo di game è sempre stato messo molto da parte. E’ vero che in Italia, tra le persone che non conoscono la seduzione come arte, va molto di moda. Tuttavia, spesso le persone fanno il solito approccio in saletta fumatori. Oppure si strusciano da dietro. Inutile dire che questo tipo di approcci sono i meno funzionali in assoluto nel panorama del club game.

E’ l’11 dicembre 2011. Marco Troy scrive la prima brevissima guida a come baciare una ragazza in pista. Pietra miliare considerato che Marco Troy fu uno dei fondatori della Roma Crew assieme a Noyz e, successivamente, della Milano Playgang a Milano. Gruppo ancora in attività.

E’ il 2 aprile 2012 e The President pubblica le sue considerazioni sul dance game. Principalmente si focalizza sull’importanza della cerchia sociale del target e di come possa cambiare le sorti di un’intera giocata. Tema poi ripreso anche da Zema nelle sue guide successive. Il 5 aprile, arriva la seconda parte in cui va più in dettaglio su una tipologia poco studiata di set in discoteca: i set singoli. Viene inoltre segnalata un’analisi importante relativa alla musica. Musiche più spinte, alzano lo state generale della discoteca. Fattore cruciale nella scelta delle discoteche di tutti i dance gamer. L’8 aprile arriverà poi la terza parte che tratterà rapidamente l’importanza della selezione delle ragazze in serata. Un approfondimento del peacocking e il frame su come isolare, vincere i pali e arrivare all’ONS. Oltre a qualche indicazione sugli IOI passivi, cosa fondamentale nel dance game. Già qui si vede come l’influenza di Noyz stia portando cambiamenti nel game di persone che poi opereranno su Torino e su Milano.

E’ il 26 giugno 2012 e Fraz, fedele seguace del leggendario Noyz su cui modella la guida, pubblica la guida al metodo Noyz. Noyz, in quegli anni, influenzerà in modo netto e indelebile il panorama del dance game italiano. In questa guida viene presentata la prima reale alternativa allo strusciarsi da dietro. Oltre a un primo abbozzo di gestione psicologica dei pali. Gestione che tuttavia idolatra l’approccio kamikaze, ora molto odiato nel settore.

Il 23 novembre 2012 il dance game torna a Torino. E’ la volta di CR7 che propone il suo metodo per il dance game frutto di molte serate fatte nel panorama torinese assieme a The President. Viene introdotta l’importanza di un’ottima gestione del pre-serata e la gestione del frame. Si introduce anche l’importanza del peacocking, ovvero in un vestiario particolare, che la farà da padrona nel dance game. Sia per Zema, che per gli altri dance gamer italiani. Viene anche abbozzato il concetto di Forcing IOI che vedremo in seguito.

E’ il 13 gennaio 2013 e Zema pubblica la sua prima guida sul dance game. Al contrario di Noyz, Zema propone l’apertura standard da dietro. Il motivo è principalmente che di viso non è stupendo e non sorride (grandissimo malus in discoteca). Il target medio di Zema in questa fase sono le sedicenni. Viene presentata un altro modo di gestire psicologicamente la serata. Oltre ad un primo abbozzo di Matrix View. Ovvero, consigli operativi su come selezionare le ragazze.

E’ il 4 aprile 2013 e Tyler RSD rilascia un video su come gestire lo state nel club game. Ci feci pure una traduzione che purtroppo è andata cancellata. Questo video è una delle pietre miliari che cambieranno il modo di fare game sia mio che di molti dance gamer italiani.

E’ il 9 giugno 2013 e Zema pubblica l’Assalto alla Torre. Il primo report in cui si sfonda il muro dei 10 kclose in una sera. Dando l’inizio a tutta una serie di report “numerici” in cui molti dance gamer puntano a fare più numero possibile in una sola sera.

E’ il 10 settembre 2013 e Zema pubblica la sua seconda guida sul dance game. Qui viene nuovamente e più in dettaglio rafforzata l’importanza dell’estetica nel dance game. Tanto da meritare ore e ore di audio nel percorso a pagamento di Zema. Inoltre, Zema introduce l’importanza del social proof in questi ambiti. Moltissime delle sue chiusure sono infatti dovute a presentazioni o segnalazioni di sui infiltrati. Tema che approfondirà poi in The Hurricane, suo webinar a pagamento. Tra i metodi, fa la sua comparsa finalmente la piroetta. Zema ancora una volta, per gli stessi motivi, la preferisce da dietro. Approccio che generalmente sconsiglio, visto che per funzionare dev’essere fatta davvero in modo molto convinto. Vengono inoltre presentati super combo e mossa del pescatore che tuttavia funzionano (quasi) esclusivamente in discoteche under18. Altri metodi invece, come la doppia piroetta, l‘avvoltoio, lo switch, o la mossa dell’elemosina, diventeranno assi portanti del dance game di Zema. Tutti metodi che tuttavia si prestano ben poco a un dance game finalizzato all’ONS. In questa guida viene inoltre presentata per la prima volta la Matrix View nella sua versione completa. Oltre alle ragazze, viene trattata un’analisi anche delle location. Inoltre, viene presentata per la prima volta una gestione degli amog. Oltre a presentare la Drunk Mode come metodo di gestione dello state. E viene abbozzata una prima versione di una guida all’isolation/ONS.

E’ il 15 ottobre 2013 e Mr Cacciatore fa uno dei report che hanno cambiato la storia del sarge milanese. Ovvero, il primo report del limelight dove per la prima volta in Italia, arriva a 31 kclose, per quanto in una discoteca under18. Si prefigura l’obiettivo del MILLENIVM BVG, termine coniato dallo stesso Mr Cacciatore, per definire 100 kclose in 24 ore. Il 20 ottobre 2013 Zema pubblica S.P.Q.R, eguagliando il record di kclose di Mr Cacciatore, riuscendoci fuori dal Limelight.

Da qui in poi Zema e Mr Cacciatore cercheranno sempre di più location trash che permettessero risultati paranormali. Riuscendo in imprese sempre di più al limite del non credibile. La faranno da padrona locali trash specialmente di tipologia omosessuale. Per vari motivi, locations che molto più si addicono al dance game. Visti i report paranormali, i locali finiranno per riempirsi di sfigati. Dopo poco nei report i locali veranno tutti segnati come “secret location” per evitare questa problematica.

E’ il 16 novembre 2013. CR7 torna con un report leggendario in cui, dopo un double k-close riesce a fare ONS con una cubista del locale utilizzando esclusivamente il dance game. Questo mette la parola “fine” a chi diceva che con il dance game fosse impossibile riuscire a fare sesso con le 9 e le 10.

E’ il 22 febbraio 2014 e Zema aggiorna la sua guida introducendo nuove mosse nel panorama del dance game. In questa guida vengono presentate alcune delle tecniche più usate da Zema in ambito under18. Quali l’avvoltoio infinito, l’octopus, il tank walking e i set incrociati. In ambito over, vengono presentate la mossa della catena e la mossa dell’obbligo. Tecniche che rimarranno un must per molti dance gamer italiani. Inoltre, viene introdotto il concetto di wing ombra, anch’esso nell’ottica di sfruttare conoscenze e social proof di terzi. L’avvoltoio infinito e la octopus, in particolare, saranno fondamentali per molti MILLENIVM BVG.

E’ il 27 marzo 2014 e Zema segna la prima ONS grazie al Forcing IOI. Il Forcing IOI è una tecnica formalizzata da Richard La Ruina. Il natural da cui imparò usava ballare nella pista vuota per ricevere l’attenzione delle ragazze. Appena lo vedevano ballare poteva capire se fossero attratte oppure no da lui. Grazie a questa tecnica sapeva esattamente chi aprire per farci sesso. Venuto a conoscenza di questa tecnica ne parlai con Zema. Qualche giorno dopo, una fotomodella lo notò mentre ballava arrivando all’ONS.

E’ Il 30 maggio 2014 e Zema formalizza per la prima volta il suo metodo per arrivare all’ONS. A cui farà seguito un ebook, un webinar a pagamento dedicato più l’intero suo percorso.

E’ il 10 luglio 2014, Zema presenta un mini guida sulla kino escalation che faceva allora. Successivamente ha pubblicato un intero webinar a pagamento sull’argomento. Il 12 luglio presenta poi la sua scaletta della Drunk Mode. Partendo dalla Sober Mode fino alla Evil Devil Drunk Mode, ovvero l’ubriachezza distruttiva e vandalica. Il 7 dicembre 2014, si aggiungerà alla lista la Dragon Mode (lo sbocco). Il 26 luglio 2014 arriva anche un aggiornamento sulla guida del dance game aggiungendo nuove casistiche. Il 16 settembre 2014 Zema presenta la sua prima guida (parziale) alle locations. Viene dato qualche consiglio, ma nulla di particolare. Il 3 ottobre 2014 Zema presenta anche una prima bozza del suo storytelling. A cui fa seguire un webinar e una guida a pagamento sull’argomento.

E’ il 7 aprile 2015 e Zema concretizza il primo MILLENNIVM BVG della storia del sarge italiano. Ovvero, 100 kclose in meno di 24 ore.

E’ il 22 aprile 2015 e Zema chiude la sua prima ONS utilizzando l’Apocalypse. Pochi giorni prima avevo infatti trovato un post perduto sullo shock and awe e sull’apocalypse. Parlandone con Zema, decise di provarlo, concretizzando poco dopo la sua prima ONS utilizzando questo metodo. Su questo metodo ho poi modellato il mio metodo extreme direct game. Questo segna una nuova era del dance game e una velocizzazione assurda di molte ONS. Permettendo a Zema di arrivare ad ONS paranormali fino a pochi minuti da apertura a chiusura.

E’ il 4 maggio 2015 e Zema, Mr. Cacciatore e Magicbox chiudono un triple-bj in pista contemporaneo con la stessa ragazza. Il confine tra “possibile e impossibile” è definitivamente rotto.

E’ il 30 aprile 2017 e Zema chiude 4 ONS in una sera stessa. Anche grazie a un’accurata scelta del locale che, tuttavia, non viene rivelato. Possibile che si tratti del Toilet Club o il Club House. Discoteche gay di Milano.

E’ l’11 settembre 2017 e Mr. Cacciatore pubblica una sua guida al mindset da adottare per fare ONS. In particolare, dichiara definitivamente l’odio totale (suo e della community) per gli approcci a kamikaze senza senso. In quel periodo, Mr Cacciatore decide di uscire quasi esclusivamente in solo. Per evitare qualsiasi tipo di interferenza esterna.

Come prepararsi a rimorchiare in discoteca: una settimana prima

Scendiamo ora dunque sul pratico. Come funziona? Quali sono le cose da tenere maggiormente in considerazione per essere i migliori a rimorchiare in discoteca?

A tal proposito ci viene in aiuto Tyler della RSD con il suo già citato video.

In questo video spiega bene come la nostra bravura nel rimorchiare in discoteca spesso non dipenda dal momento in cui facciamo la performance. Bensì da tutta la settimana precedente. In generale sono validi i consigli già detti per aumentare la tua produttività, ma ripetiamo quelli più importanti.

In particolar modo:

  • quante volte sei già andato a rimorchiare in discoteca o in altri posti quella settimana. E in generale gli ultimi mesi e gli ultimi anni. Più abbondanza hai di occasioni, più sei mentalmente connesso a “entro in discoteca –> ok pronti, è il mio momento”, migliori saranno le performance che otterrai anche nella singola occasione. Più entrare in discoteca per te è strano, più farai fatica ad approcciare. Meno pensi e più ti affidi agli automatismi di chi in quell’ambiente ci vive ormai, migliori saranno i tuoi risultati.
  • farò un articolo dedicato, ma fare meditazione quotidianamente ti aiuta ad eliminare il tuo dialogo mentale. Se poi ti fai 20-40 minuti in rilassamento totale con le delta waves di sottofondo prima di uscire… è il top.
  • quanto hai dormito l’ultima settimana? Hai dormito almeno 8 ore al giorno? Oppure ti sei fatto 4 ore al giorno gli ultimi 3 giorni? Inutile dire che qualsiasi cosa tu faccia, se hai dormito poco le tue chance crollano di brutto. Il dialogo mentale che avrai per rimanere sveglio sarà enorme e non riuscirai tanto a scendere. Se dovessi far uso di alcol per farlo, la tua durata sul campo sarà di 30-40 minuti per poi uscirne stravolto.
  • se hai mangiato bene durante la settimana arriverai nella migliore condizione psicofisica. Idem se ti sei allenato correttamente. Se hai fatto oltre un’ora di palestra al giorno o hai mangiato male, potrai sentirti super stressato. O, peggio, appesantito dal cibo. Se poi hai fatto palestra il giorno stesso, potrai sentirti distrutto e non performare minimamente. Fare dance game è al pari di una prestazione atletica. Arriva al top della forma per ottenere i migliori risultati.
  • nofap e no porno: oltre ad aiutare un vallo da un punto di vista psicologico, ti aiutano ad avere erezioni istantanee. Soprattutto nell’ottica del dance game, più sei caricato a mille a livello di testosterone meglio è. Ti potrà capitare di trascinare una nei bagni. O di scopartela sbattuta sul muro della discoteca o in un vicolo subito fuori. Se non hai erezioni supreme, tutto questo potrebbe essere un gran problema.

Come prepararsi a rimorchiare in discoteca: preserata

Vuoi leggere anche questo capitolo e avere accesso, GRATUITAMENTE alla guida completa in formato PDF?

Iscriviti al mio chatbot premendo il pulsante qui sotto. Nei prossimi giorni riceverai tutto il mio materiale premium!

Guida inclusa. GRATIS! 🙂

Preparazione psicologica: oggi ONS

gnocca casualeLa cosa più importante è mantenere il frame “OGGI ONS”. Figlio dell’extreme direct game questo implica che mettiamo piede in discoteca con l’idea dichiarata di fare ONS. Attenzione però. Non è una cosa ansiogena. Non è che devo fare ONS. Ho la consapevolezza che oggi farò ONS. E’ semplicemente ovvio, assunto, qualcosa che succederà.

Quando comincia a essere così davvero, ti rendi conto dell’importanza di questo frame. Domande standard che dovresti fare sono:

  • ho i preservativi? Porca troia, quanta gente che va in discoteca senza preservativi. Anche se vuoi farlo senza (pazzo), comunque molte si rifiuteranno. Averli è quantomeno fondamentale per non perderti delle scopate assicurate.
  • ho una fuck-location? Arriva questa, vuole scopare con te. Qual è il tuo piano??? Non vuoi pensarci nel momento in cui succede. In cui hai due neuroni in croce che fanno la lotta per la sopravvivenza. Devi avere un piano CHIARO E SEMPLICE che ti porti in un posto dove fare sesso. Il tempo massimo che hai sono 15 minuti, meglio se ci metti solo 10 minuti. Ogni altro piano che implica più minuti non è molto valido. In quei casi, guarda ogni anfratto fuori dalla discoteca. Ogni anfratto dentro la discoteca. Zema ha scopato quasi più volte sui divanetti, dietro colonne o in stanzini segreti delle discoteche che a casa sua. Se sei in trasferta, informati a maggior ragione. Informati anche sull’uscire dalla discoteca. E’ successo più volte che a dei miei amici saltassero ONS perché non si poteva rientrare in discoteca e la ragazza letteralmente impazzisse.
  • camera mia è in ordine? Se hai dei chiari segni di squirt sul letto… Dio bono, cambiale le lenzuola. Se hai un preservativo usato in mezzo al pavimento… porca troia, lo devo dire? Ora non serve che la stanza sia in ordine perfetto. Ma almeno presentabile e senza questa cazzate ecclatanti.

Pensaci realmente: oggi faccio ONS. Lo so gestire? Lo so fare? Ho un piano operativo che funziona? Nella tua testa ha senso? Se la risposta è no… preparati a tante delusioni e pianti. Inutile dire che le ultime 5 o 10 volte non hai concluso niente. Se oggi succede… non concluderai niente neanche in questo caso.

Inoltre… devi avere realmente voglia di figa. Se ti sei sparato 3 porno e ti sei ammazzato di seghe tutta la settimana… che voglia di figa vuoi avere. Se invece non vieni da due settimane e sono tre giorni che vedi culi in discoteca… sarai un leone pronto a uccidere.

Come ballare in discoteca: Forcing IOI

In realtà le due cose, il ballare in discoteca e il Forcing IOI, sono cose un po’ diverse. Il Forcing IOI consiste nel forzare degli indicatori di interesse nella ragazza.

Questo si può fare ballando… ma non necessariamente. Anche vestire in modo molto appariscente può provocare degli indicatori di interesse. Una camicia rossa spesso aiuta molto in tal senso.

Tuttavia, nel tempo ho sviluppato un modo di ballare che mi permette di catalizzare l’attenzione della discoteca. Un esempio è tipo questo:

In questo momento non ero particolarmente lanciato (sono anche un po’ fuori tempo) ma è per dare l’idea. Ci sono persone che ballano infinitamente meglio di me. L’importante tuttavia non è tanto la tua capacità tecnica, ma quanto sei connesso con l’ambiente. Quanto sei lanciatoMi è capitato di asfaltare letteralmente ballerini provetti molto tecnici perché non si stavano divertendo granché. Se tuttavia hai una tecnica importante, è sicuramente qualcosa da sfruttare. Per capire l’idea, puoi vedere il modo ignorante con cui ballava Zyzz:

Qui puoi vedere come nonostante non abbia chissà che tecnica, si fossero tutti messi a cerchio per guardarmi ballare.

Forcing IOIQuesto ti permette di capire esattamente chi aprire. Spesso le ragazze cominceranno a guardarti o schifate o molto interessate. E avranno la scusa per lanciarti appunto occhiate di interesse. Così potrai andare a colpo sicuro sapendo chi baciare e chi prendere per tentare la ONS. A volte addirittura ci saranno ragazze che ti affiancheranno mentre balli. Alcune, le più temerarie, si butteranno tra te e il tuo wing. O addirittura ti approcceranno. Una volta mi è capitato addirittura che due amiche prendessero la terza per lanciarmela letteralmente addosso.

Un’altra volta ancora, ballando su un cubo con una 8, c’è stata varia gente che ha letteralmente obbligato certe ragazze a presentarsi perché gli piacevo e così via. Come metodo è molto utile sia per caricarsi sia come biglietto da visita e modo di selezionare.

Per prendere spunto, potreste guardarvi dei video sul popping:

Oppure, sul finger tutting:

Oppure lo shuffle. Lo shuffle, anche se lo sanno fare in tanti, ha il vantaggio che non ti devi sbracciare o fare cose strane per farti vedere. Il che vuol dire che sudi molto molto meno e non rischi di spaccarti le braccia.

Come approcciare in discoteca

Come anche negli altri ambienti, gli approcci in discoteca possono essere: indiretti, con complimento, diretti, apocalypse. E essere categorizzati in verbali, emotivi e non verbali. Ricorda che, specialmente in discoteca, delle cose che possono radicalmente cambiare i tuoi risultati sono: sorrisoguardare negli occhi la ragazza. La ragazza va guardata negli occhi da quando parti fino a quando approcci. Se ti guarda, ricambia lo sguardo. Non far finta che stai facendo altro e poi all’improvviso aprire. Ti serve come biglietto da visita per porti nel modo giusto.

In generale inoltre, preferisci approcci frontali. Approcci in cui ti vede bene in viso e vede quello che stai per fare. Questo perché molte ti palano a prescindere perché magari in quel momento non vogliono essere approcciate. Se ti vedono in faccia però possono magari iniziare a pensare che per te potrebbero fare un’eccezione. Puoi anche fare approcci da dietro, ma in tal caso devi essere molto più deciso nell’esecuzione.

Approcciare in modo indiretto in discoteca

Esempi possono essere:

  • Hai una sigaretta per caso?
  • Ragazze ma la serata quando parte..? Siete mai state in questa discoteca?
  • Ho perso i miei amici… come vi chiamate? 🙂

ecc.

Generalmente è il tipo di approccio più accettato, ma anche quello meno efficace visto l’ambiente. Una volta sono riuscito a fare ONS (#6) approcciando con “vuoi dell’acqua”? sentendo che la ragazza aveva sete. E ci sta, va benissimo. Ma diciamo che non è l’approccio che in assoluto funziona di più.

Approcciare con un complimento in discoteca

Esempi possono essere:

  • Lo sai che hai davvero dei bei capelli? Come ti chiami?
  • Hai un vestito davvero stupendo, come ti chiami?
  • Hai degli occhi incredibili, come ti chiami?

L’idea è quella di fare un complimento non sessuale e iniziare la conversazione così. Puoi anche metterci una piroetta appena ti dà la mano dopo che le hai chiesto il nome. Generalmente è un approccio discreto che funziona abbastanza bene.

Approcciare con un diretto o un apocalypse in discoteca

Questo è il cardine dell’extreme direct game. Esempi possono essere:

  • Hai un culo da paura, come ti chiami?
  • Sei una gnocca colossale, come ti chiami? (detto proprio così)
  • Hai delle tette fantastiche, come ti chiami?
  • Stai uccidendo di infarto tutti quelli che ti vedono mentre cammini… fermati ti prego… e dimmi come ti chiami ahah

Questo tipo di approccio ovviamente implica una certa sicurezza in se stessi. E l’essere sfacciatamente diretti ed espliciti quando ti presenti a una ragazza. L’apocalypse, nella sua forma più pura, vuole che poco dopo l’approccio (che può essere anche un “ciao, come va?”) si chieda immediatamente alla ragazza se ha voglia di venire a casa con noi. Semplice e diretto.

Questi tipo di approcci funzionano molto bene, specialmente con le zoccole. Con le brave ragazze tutte rigide e impettite funzionano poco. Con una che ha dei leggings mortali o con una scollatura evidente… te lo sta chiamando di brutto. E quindi ci sta. Ovviamente, come dicevo, bisogna anche avere una certa sicurezza in se stessi per fare un approccio del genere.

Altri tipo di approcci: fisici

piroettaNon ci sono solo gli approcci verbali in dance game. Anzi, molti dance gamer non parlano proprio in approccio. Al di là degli approcci emotivi, anche questi poco usati (es: “come mai sei tutta sola seduta su un divanetto? Sei triste?” e cose di questo genere), quelli più famosi sono certamente quelli non verbali.

  • Apertura di verbale con successiva piroetta. Questa è la casistica più semplice da realizzare. Puoi anche aprire con un semplice “ciao, come ti chiami?” e poi quando ti porge la mano, procedere con una piroetta. Questo ti permette anche di distinguerti da altri player se stanno cominciando ad aprire tutta la discoteca a sfregio di piroetta. Oltre a poter eseguire la piroetta con più tranquillità, non dovendo essere perfetta dato che non è di fatto il tuo opener.
  • Pat pat sulla spalla, la guardi, sorridi e poi apri di piroetta. Questo, specialmente se arrivi di fianco o da dietro, ti permette di “presentarti” un minimo e non dover arrivare violento di piroetta. Soprattutto se non sei super sicuro di te in quel momento, può essere una buona idea. In molti frangenti l’ho visto funzionare di più della mera piroetta diretta, specialmente per chi sta iniziando.
  • Apertura frontale di piroetta. Se fatta bene, è decisamente l’apertura migliore e più funzionale in dance game. Occhi negli occhi, sorriso e si va a comandare. L’esecuzione fatta bene non è cosa banale anche per un player esperto, ma se va dritta ti fa partire sicuramente con un sacco di punti. La ritengo superiore rispetto a un’apertura verbale anche molto diretta perché una piroetta ben fatta vale più di mille parole nel subcomunicare i tuoi intenti. Sentendoti sicuro nello sdraiarla, saprà a impatto esattamente ciò che vuoi. Senza dover chiamare in causa la sua parte razionale.
  • Put your hands up! Un trick imparato dalla guida di Zema è “girare” di piroetta le ragazze che hanno già le braccia alzate. A volte funziona addirittura alzare le braccia apposta dietro il set per vedere se lo fanno anche loro.
  • Apertura di piroetta da dietro. Questa in generale è l’apertura peggiore. Devi essere tremendamente sicuro di te per farla funzionare correttamente. Spesso ti paleranno a prescindere perché conoscono l’approccio o non vogliono nessuno.
  • Hand of God. Mano di Dio. E’ una sorta di mossa dell’elemosina. Si tratta di guardare la ragazza negli occhi e porgerle la mano come per invitarla a prenderla. Una volta che la prende, tirarla a se e fare una piroetta. Utilissima nei set misti per estrarre una ragazza dal set.
  • Arpione. Simile alla Hand of God. In pratica fai una piroetta e mentre sta piroettando fai un passo indietro, per poi tirare la ragazza a te. Un altro modo molto utile per estrarre una ragazza da un set misto senza avere a che fare con i maschi ivi presenti.
  • Vieni qui. Un’apertura che mi piace molto fare è guardare una ragazza negli occhi e farle cenno di venire da me. Se fatto bene, come se la conoscessi già, molte lo fanno e vengono effettivamente. Utilissimo per isolarle (e divertirti).
  • Mossa della catena. Sia che se ne stia andando, sia che ti stia superando a volte torna utile prenderle per l’interno del gomito. Non è facilissimo, ma se fatto correttamente le dai la sensazione di essere un suo amico che la conosce. Altrimenti non lo faresti. Una volta fatto tiri leggermente indietro per bloccarla, poi le prendi la mano e la piroetti normalmente.
  • Approccio frontale senza piroetta. Questo non è facilissimo da fare, ma si tratta di andare frontalmente guardandola negli occhi e prenderle direttamente le mani. Complesso da fare perché spesso di fronte avrà l’amica. Utile quando magari sta vagando da sola per la discoteca.
  • The claw. L’artiglio. Si tratta letteralmente di agganciare la tipa. Puoi metterle anche il braccio al collo e non necessariamente sul fianco. Un’apertura simile è quella che abbiamo chiamato apertura a delfino. In pratica, due tipe dietro di te, fai una bracciata a delfino. E apri entrambe mettendo le tue braccia al loro collo. Tecnicamente è davvero complessa da fare. L’ho vista fare un paio di volte a dei miei amici ubriachi fradici. Ma quando riesce, è spettacolare.

NOTA: al 99% la piroetta la stai facendo troppo debole. Allenati con un tuo amico per capire quand’è che sei abbastanza sicuro di te nel farla. Pro-trick: per aiutarti nel farla girare, mentre è girata, puoi spingerla un po’ sulla spalla per velocizzare la piroetta.

NOTA 2: prendi queste mosse come dei suggerimenti. Se leggi, per esempio, il report di #26, ti renderai conto che ho fatto una sorta di mossa della catena… prendendola per la pancia ahah. Lì per lì mi è venuto quello. E ha funzionato. Approcciandola poi di verbale. Cose a caso quasi. Improvvisa, impara, sperimenta.

Come baciare una ragazza in discoteca

Ok, l’abbiamo approcciata… ora come facciamo a baciarla. Io ho una “procedura iterativa” che mi permette facilmente di arrivare al bacio quando sono in discoteca ed è a prova di scemo. Visto che secoli fa feci dei video… e da allora la mia tecnica non è cambiata, te li propongo. Sono dei video un po’ osceni (mi metto a ridere come un idiota più volte), ma rendono il concetto.

A livello di verbale di solito tento di indovinare che cosa studia o cosa fa di lavoro. E butto due battute o delle cose che mi vengono in mente a seconda di quello che fa. Spesso non serve neanche stare lì a parlare più di tanto per arrivare al baciarla. A volte le faccio anche qualche complimento, anche apertamente sessuale, se mi vengono.

In generale comunque arrivato al momento cardine, mi avvicino lentamente verso di lei. Se mi guarda negli occhi la bacio, se si toglie o smette di guardarmi indietreggio. Così è davvero a prova di stupido.

Se non ti senti sicuro di te, un po’ di frasi che puoi usare sono:

  • quanto sei brava a baciare da 1 a 10? -numero-, ok, vediamo se dici la verità!
  • “ho proprio una voglia tremenda di baciarti…”, se non dice nulla, baciala
  • molte altre che puoi trovare cercando “routine per il k-close”

In generale comunque ti consiglio di usare la prima se proprio dovessi averne necessità in un primo periodo, fino a togliere del tutto questo “aiutino”. Ti peggiora il gioco per niente.

In ottica ONS prima la riesci a baciare meglio è. Se anche la baci immediatamente, ancora meglio. In questo report puoi avere qualche indicazione di un mio tipo di approccio standard alla cosa.

Consiglio importante su come baciare. Molti non sono in grado. Intanto la cosa principale è la velocità. Non dovete mangiarle la bocca. Più siete “lenti” e vi godete la cosa meglio è. Esercitatevi con il cibo. Imparate a mangiare lentamente, assaporando ogni sapore. Ogni sensazione. Poi quando la baciate, fate esattamente la stessa cosa. Dev’essere un momento in cui si ferma il tempo e ci siete solo voi due da quanto è bello. Rendetelo magico.

A livello pratica, prendi con le tue labbra il suo labbro superiore. E a volte, quello inferiore. Questo perché se prendi quello superiore, lei prenderà il tuo inferiore che è più grosso. E generalmente piace di più baciarlo. Altrimenti, gira la testa di 90° e baciala in un modo che puoi metterci anche un po’ di lingua. EVITA in modo assoluto le lavatrici. Ovvero girare come un pazzo la lingua nella sua bocca. E’ l’antisesso. O sbavare. In generale un po’ di lingua metticela, ma non troppa.

Inutile dire che, anche qui, più pratica farai più diventerai bravo. Molte donne sono spietate e ti diranno che cosa sbagli le prime volte. Specialmente se non gliene frega un cazzo di te e ti stanno baciando a caso.

ONS: come fare sesso rimorchiando in discoteca

Vuoi leggere anche questo capitolo e avere accesso, GRATUITAMENTE alla guida completa in formato PDF?

Iscriviti al mio chatbot premendo il pulsante qui sotto. Nei prossimi giorni riceverai tutto il mio materiale premium!

Guida inclusa. GRATIS! 🙂

Come gestire le resistenze dell’ultimo minuto

Non ne parlerò. Per il semplice motivo che solo questo meriterebbe un libro intero. In questo report puoi trovare qualche indicazione su come fare. Generalmente comunque, si tratta di errori nel Frame LTR. Non le hai fatto capire che ti piace davvero tanto e quindi si fa pare e problemi. Pensa che la vuoi solo scopare per fare punto e cose di questo genere.

Più le fai capire che ti piace, verbalmente e scalando fisicamente, più difficile sarà incombere in resistenze dell’ultimo minuto. Cerca anche di farti l’occhio e capire rapidamente se è una psicopatica. E quindi magari ha dei problemi lei di suo. Cosa che rende il tutto più complesso da gestire. Di fatto, finirai per farle delle “coaching al volo”, su come risolvere i suoi problemi per fare sesso con te. Terribile.

Come capire a prima vista se è una da ONS o meno

ragazze espliciteCosa ben più utile dunque è capire se è una che sta cercando sesso oppure no. Un po’ di indicatori che ti possono aiutare in tal senso:

  • veste in modo provocante. In generale, pizzi, scollature abbondanti, leggings che fanno vedere chiaramente il culo, ecc. sono un ottimo segnale. Se ti sembra una troia, è perché probabilmente lo è. Il che ovviamente a noi ci rende felici.
  • è molto lanciata nel ballo. Sia che sia sobria, sia che sia bevuta, molto spesso quelle che ballano scatenate è perché vorrebbero che qualcuno ballasse con loro. Non sempre, ma molto spesso possono essere un buon match. Qui guarda attentamente quanto ti sembra a ritmo e quanto ti sembra connessa con la musica. Se si scatena a caso, spesso vuole solo fare tanta scena, ma più di un bacio non ce ne cavi.
  • è o sembra ubriaca. Qui bisogna un po’ distinguere. Se è ubriacata un po’, allora va bene. Se è ubriacata persa, oltre il limite o comunque è ingestibile, non va bene affatto. Deve potersi muovere tranquillamente ed essere lucida. Così è perfetto. Lo vedi molto dalla camminata e da quanto è lanciata nel ballo.
  • ti fissa palesemente. Può anche non essere da ONS in generale, ma se ti mandano chiari segnali ed è figa, un tentativo molto spesso è il caso di farlo.
  • ti balla vicino. Fa coppia con il punto precedente.

Tipologie di discoteche

Ci sono tante tipologie di discoteche. Dovendo però rapidamente analizzare quelle principali vediamo che si compongono in:

  1. fabrique rimorchiare in discoteca milanoCapannoni industriali enormi. Per intenderci, pensiamo a discoteche come l’Alcatraz a Milano. O il Geox a Padova. Capannoni enormi che possono contenere tonnellate di persone. Bisogna dividere tra evento e discoteca che è sempre così. A Padova, per esempio, ci sono feste come la festa di medicina. Eventi molto grandi che raccolgono molte persone. A Milano una serata all’Alcatraz ha persino più persone. E non è un evento. La differenza sostanziale è che le persone all’Alcatraz sono più organizzate. E’ difficile che approcci un set singolo all’Alcatraz che si è perso. Succede, ma molto meno. A Padova in questi eventi succede di continuo. Molti pensano che questi eventi siano più semplici per la moltitudine di persone. Tuttavia, ho in media chiuso molto meno che in altri eventi. Questo perché è molto più difficile tenere il campo e focalizzarsi solo su una che ti piace in questi eventi. La tendenza è quella di mettersi a provarci con tutte perdendo il focus. E perdendo la serata.
  2. Discoteca media commerciale. Un esempio può essere il Le Banque a Milano. Una discoteca di medie dimensioni in cui mettono musica commerciale. Di questo genere ci possono essere discoteche categorizzate come “fighette”, tipo l’Old Fashion. Ovvero dove sono tutti tirati a bestia e la gente che balla è poca. Oppure discoteche intermedie, come appunto il Le Banque o l’Art a Desenzano. Questo sono le migliori perché ci sono ragazze di qualità medio-alta, ma più propense ad essere approcciate. Infine, ci sono le discoteche trash. Come poteva essere i Magazzini a Milano. O il rocket, sempre a Milano. Queste discoteche promettono e concedono molte più chiusure. Al prezzo però di una qualità media più bassa.
  3. Discoteche buchi di merda. Questo tipo di discoteca sono letteralmente dei buchi. Magari hanno una stanza o poco più. A Padova famose sono il Factory o il Fish Market. A Bologna il Sodapops. A Milano il B38, versione invernale, può essere categorizzato così. Anche il Bar Bianco, una sorta di discopub estivo, può rientrare nella categoria. Sono discoteche che possono ospitare non più di cento persone. Qui si può pensare che sia più difficile fare game. Invece il locale stesso ti forza obbligatoriamente a puntare tutto su una, massimo due ragazze. Cosa che tendenzialmente ti porta ad avere un game molto più solido che non nei capannoni enormi.
  4. Discoteche estive all’aperto. Magari sulla sabbia, tipo il Sand a sottomarina. Questa tipologia di discoteche sono molto valide nell’ottica di fare kclose e anche ONS abbastanza facilmente. Se tanto vaste possono dare i problemi dei capannoni industriali, ovvero persone che si perdono e difficoltà psicologica a tenere il singolo set. Generalmente però le persone hanno bevuto di più e sono molto di più in clima vacanze. La cosa da tener conto è che spesso in questi ambienti molti sono senza maglia. Quindi avere un buon fisico comincia ad avere una certa rilevanza.

Gestione del campo di gioco

gestione del campo nel rimorchio in discotecaIl motivo per cui molti non ottengono risultati nel dance game è che non sanno minimamente gestire i loro movimenti all’interno del campo di gioco. Innanzi tutto, è fondamentale aver fatto almeno un periodo di almeno 6 mesi di dance game da soli per poter interiorizzare al 100% questi movimenti e non aver bisogno di nessuno per approcciare.

La cosa più importante sono i movimenti. Il più grande errore è quello di muoversi continuamente all’interno della discoteca. Questo ti fa perdere un sacco di energie per niente. Inoltre, rende impossibile alle donne aprirti. Questo perché sarai perennemente in movimento e non faranno a tempo a notarti. Molti a questo punto decidono di mettersi a ballare al centro, pieno di gente, sperando che qualcosa succeda. Già te lo dico: non succederà.

I posti migliori in cui puoi posizionarti sono i punti nevralgici. Quei punti ai lati della pista in cui passa molta gente. Ovviamente, non in mezzo ai coglioni, ma lì vicino. In questo modo avrai accesso ai set statici che sono lì intorno. Ma anche ai set in movimento che passeranno dalle eventuali vie di fuga. Tenendo sempre a mente di non approcciare ragazze che stanno andando verso il bagno o comunque posti in cui ti possono palare facilmente con la scusa che “deve andare”.

Individuati questi punti nevralgici, indicativamente passerai lì 15-20 minuti per poi cambiare punto. In questi 15-20 minuti divertiti, balla, scherza con gli amici. Se una ti piace, guardala negli occhi. Cerca di capire se può essere un buon approccio oppure no. Molti dicono di andare giù come dei falchi di cattiveria appena vedi una che ti piace. Generalmente può essere una buona mossa, a volte però conviene aspettare un attimo e capire meglio le situazioni. Mi è capitato spesso di ballare fregandomene di tutto e di tutti e di vedere ragazze che ci approcciavano o che si mettevano a ballare affianco a noi. Come nel caso di #28. Mi ero messo in uno dei punti nevralgici del Le Banque (vicino all’entrata in pista sulla destra). Mi ero messo lì a ballare. L’ho guardata, lei mi ha guardato. Stavo per cambiare punto perché stavano scadendo i 15 minuti, lei mi ha approcciato. Kclose, ONS.

In generale prediligi punti in cui è possibile vedere a colpo d’occhio tanti set. Questo perché appunto rimarrai fermo per almeno 15-20 minuti. Il vantaggio di rimanere fermo è che potrai capire i set. Capire che lei è con lui. Che quello è un set misto ma quella sembra single. E vedere come si muovono le ragazze. Appunto notando se una ti viene vicino per approcciarti. Inoltre, quelle nuove che entreranno nel tuo campo visivo saranno le uniche da analizzare e il tuo cervello sarà più reattivo. Se continui a muoverti avrai mille variabili da tenere in considerazione. E sarai meno pronto a fare approcci fulminei perché noterai più tardi i dettagli.

Si ma .screen… e se la discoteca si riempie? Cosa faccio? Se sto fermo non vedo un cazzo!

In questi casi, l’unica è fare quella che chiamo navetta. O farlo da solo se sei senza wing. Ovvero ti metti con il tuo wing alle spalle, massimo due. E cominci a camminare sulla pista. Quello in testa è quello con più esperienza o più forte o con più alcol in corpo. Il suo compito è passare e analizzare i set al suo passaggio. E’ molto più complesso che stare fermi visto che dovrà a colpo d’occhio decidere se aprire oppure no, senza poter analizzare le situazioni. Questo però ti permette di massimizzare i risultati anche in ambienti sfavorevoli.

Il wing subito dietro di lui è lì pronto a wingarlo in caso di necessità, entrando in gioco nei set da 2 o a difesa del wing in caso di necessità.

Come gestire le amiche e i maschi mentre rimorchi in discoteca

Vuoi leggere anche questo capitolo e avere accesso, GRATUITAMENTE alla guida completa in formato PDF?

Iscriviti al mio chatbot premendo il pulsante qui sotto. Nei prossimi giorni riceverai tutto il mio materiale premium!

Guida inclusa. GRATIS! 🙂

Peacocking: come vestirsi per rimorchiare in discoteca

don jonSul vestiario potremmo scrivere un libro intero. In questo capitolo cercherò quindi di riassumere le cose principali per massimizzare i tuoi risultati in discoteca.

  • Adattati all’ambiente. Se sei in una discoteca paurosamente trash… non andarci in camicia. Mi è capitato di rimorchiare anche con un vestiario totalmente fuori contesto. Ma generalmente ti dà risultati peggiori. Spiccare non vuol dire vestirsi da coglione. Vuol dire vestirsi un 20-30% meglio dei maschi più fighi del locale in cui vai. Studia il loro modo di vestire. Come si comportano. Se hanno accessori. Quali. Che taglio di capelli hanno. Se hanno o meno la barba. Diventa uno di loro.
  • Capelli. In generale i capelli sono il biglietto da visita di un dance gamer. Zema in particolare ha sempre avuto dei tagli molto particolari. Fino a rasarseli quasi a zero. Non cercare azzardi atroci, cerca di guardare i tagli della gente più figa. E copiali spudoratamente. Non fare cose particolari o molto difficili da mantenere e gestire.
  • Accessori. Banditi gli occhiali. Porcod*o c’è ancora gente nel 2018 che va a figa con gli occhiali. E’ inammissibile. Se hai dei braccialetti fluorescenti, in molte discoteche funzionano. E’ un ottima scusa per venire aperti. Per un periodo li utilizzavo sempre. Dopo un po’ però rischi di essere riconosciuto come “quello dei braccialetti”. Attualmente uso uno o due braccialetti per braccio. Se hai un bell’orologio va bene, ma le probabilità di perderlo o rigarlo non sono banali. Specialmente se sei ubriaco. O che te lo rubino. Una collana o una cravatta non dico che siano obbligatori ma quasi. Gli accessori fanno il player, curali attentamente. Cerca di abbinare le pelli (nere con nere, marroni con marroni) e i metalli (non mischiare oro con argento o acciaio). Gli anelli in generale non te li consiglio più che altro perché è facile farli volare via ballando. Idem per braccialetti o orologi di acciaio / pesanti per lo stesso motivo. Un trucco top, sono le brettelle. Per un periodo andavano parecchio di moda tra i dance gamer. Proprio perché ti tengono su i pantaloni, ma non devi quindi slacciare la cintura. E puoi farti fare molto più facilmente le seghe in pista. Molti non mettono le mutande per lo stesso motivo. Giù la zip e sei pronto. Soprattutto nei locali trash può essere un vantaggio competitivo non da poco.
  • Vestiti. Per un periodo vestivo fluorescente o con roba strana. Lascia perdere ti prego. In generale evita colori strani o spenti. Tipo giallo banana o verde pisello. O ancora, marrone scuro o verde marcio. Colori buoni per le camice e il vestiario in generale sono bianco, nero, rosso, rosa, blu. Anche qui, se devi andare in una discoteca fattona scegli una maglia da fattone. Ne puoi trovare di fighe su emp-online. Se hai più soldi, guarda le maglie Versace. Se vai su una discoteca fighetta, obbligatoria la camicia. Scegli camice che vestono bene, non robaccia da pochi soldi. Lacoste, Tommy Hilfiger e Ralph Lauren hanno camice belle, che vestono bene, a prezzi contenuti. Valuta anche l’idea di farti delle camice su misura. Evita come la morte le magliette in posti fighetti, ti prego.
  • Profumo. Io ho risolto con il One Million. Quattro spruzzate su un lato del collo, quattro sull’altro. Due su ogni polso. E non strofinarti il collo o il polso. Il motivo è che in discoteca sudi, ti muovi. Dopo 2-3 ore che sei lì se te ne metti di meno non si sente più niente. Non dico che sia obbligatorio, ma senti parecchio la differenza quando inizi a usarlo costantemente.
  • Scarpe. Soprattutto se ti metti a ballare, scegli delle scarpe comode. Io per un lunghissimo periodo usavo le drunknmunky. Ora uso delle nike. Molti dance gamer usano le Air Force di ordinanza. Dipende molto dal tuo stile. Evita le scarpe fighette. Soprattutto se vai in pista, finirai per per distruggerle le scarpe. Puoi scegliere anche delle scarpe bianche, finché siano di un materiale che con una spruzzata di sgrassatore e un fazzoletto va via tutto. Altrimenti punta a scarpe nere.
  • Felpe / maglioni canottiere. In generale, tutti e tre andrebbero paccati in blocco. Se balli avrai caldo e non metterai nulla di sta roba. Il problema è il sudore. O sei previdente e non bevi un cazzo. Parlo di un litro di acqua in una giornata. Al costo di avere una sete boia tutta la sera (fatto più volte). Oppure il sudore in qualche modo lo devi gestire. Finché frequentavo locali fattoni giravo con una maglia di cambio nella tasca dei pantaloni. E verso le 2 mi cambiavo maglia. Con le camice purtroppo non si può fare. In quel caso, puoi usare le canottiere sotto la maglia o la camicia (finché non sono bianche). Un po’ reggono. Io ogni tanto mi passo anche una mano stile “lavavetri” sulla pancia per togliere un po’ di sudore. E’ molto antiestetico ma se fai veloce non si accorge nessuno e almeno non finisci la serata fradicio. Un’alternativa è avere una felpa o un maglione da mettersi quando ormai sei fradicio. Almeno non laverai anche la povera ragazza. Son comunque soluzioni un po’ antiestetiche, ma soprattutto le felpe le ho usate parecchio per questo. Preferendo felpe con una zip in mezzo, per poterle almeno tenere aperte.
  • Guardaroba. O vieni con un giubotto da 10€ o usa il guardaroba. Finché è una serata potrebbe anche andarti dritta… ma se ci vai 2 volte a settimana per 5 anni, ti ruberanno roba. Per forza. O appunto hai roba che possono rubarti e allora imboscala da qualche parte o paga quei 2 o 5€. Considera che però potrebbe essere un leggero handicap volessi fare ONS quello di fermarti al guardaroba prima di uscire.

Qual è l’orario migliore per fare sesso in discoteca?

Girano molte stronzate riguardo quale sia l’orario migliore per concludere in discoteca. Facciamo quindi un’analisi a posteriori delle ragazze che ho chiuso in discoteca e dell’orario (a memoria) in cui le ho approcciate:

  • #4 – mi ha approcciato lei, verso l’1.
  • #5 – l’ho approcciata verso l’1, era appena entrata nella disco
  • #6 – l’ho approcciato a chiusura, verso le 4.30-5
  • #7 – l’ho approcciata al guardaroba quando se ne stava andando. Verso le 3.30-4
  • #11- l’ho approcciata a metà serata, verso le 2
  • #13 – l’ho approcciata verso l’1
  • #14 – l’ho approcciata verso le 2-2.30
  • #19 – l’ho approcciata che era appena arrivata. Verso mezzanotte, forse persino prima
  • #23 – l’ho approcciata che era appena arrivata. 00.30 massimo.
  • #25 – l’ho approcciata che era arrivata da poco e avevano aperto l’altra sala all’Alcatraz. Verso l’1-1.20
  • #26 – l’ho approcciata verso l’1
  • #28 – mi ha approcciato lei appena arrivato. Verso 00.15-00.30
  • #29 – l’ho approcciata verso le 2-2.30
  • #31 – l’ho approcciata appena arrivata. Verso 00.15-00.30

Vedrai quindi che, paradossalmente, l’orario migliore è quello di inizio serata. Molti ti diranno che ottengono maggiori risultati nella fascia oraria 1.30-2.30. Sono tutte stronzate. O, peggio, ti possono dire che stanno aspettando quella fascia per approcciare. Quanto di peggio si possa fare! Altri ancora, ti dicono o di approcciare a inizio serata o a fine serata. E lasciar perdere la parte centrale. Anche qui, cazzate su cazzate.

In generale, prima approcci meglio è. Questo perché le ragazze o sono a caccia o non lo sono. E’ appena entrata nel locale? Meglio! L’importante è essere il primo o uno dei primi. Questo perché non si è già stancata dei mille sfigati o non ha già trovato qualcuno con cui passare la serata. Verso le 2 probabilmente quelle che cercavano qualcuno l’hanno già trovato. Ormai arrivi tardi.

Molti tuttavia cominciano a chiudere in quell’orario semplicemente perché prima erano scarichi. Entrano in discoteca con lo state sotto i piedi e quindi ora che sono lanciati si fanno le 2. E quindi molti pensano che le 2 sia l’orario migliore. Le 2 è l’orario migliore se non sei in grado a sargiare.

Infatti, #6 ho passato tutta la serata fuori state… per poi approcciarla alla fine per caso. #11 ho passato tutta la serata in paranoia, per poi avere questo colpo di culo casuale. #14 ho preso pali su pali per poi fermarmi, arrendermi… e poi boom, ONS. #29… beh, semplicemente prima ero sobrio. Mi sono calato un invisibile e boom.

Questo ci insegna che:

  • concentrati sul tuo divertimento e sul giocarti bene la serata. Se ti stressi inutilmente non chiudi nulla! Inoltre, puoi chiudere anche alle 2 o alle 3 se entri tardi o se ti sblocchi più tardi. Tranquillo.
  • non accampare scuse per non approcciare. Se ti piace, vacci subito! Carpe diem.
  • meglio che arrivi presto in discoteca. Più aspetti e più rischi che ti portino via le tipe disponibili.
  • va detto che in discoteche come Old Fashion, Alcatraz, ecc. ci sono continuamente nuove ragazze che entrano. Quindi molte possono entrare anche alle 2 o alle 3 o alle 4. Non è mai davvero finita.

L’orario dunque incide gran poco. Incide molto di più quanto sai gestire bene il tuo state. Se lo sai gestire bene, puoi fare sesso anche appena metti piede in discoteca.

Diari di dance gamer italiani

Un po’ di diari di dance gamer italiani di livelli alti (purtroppo mancano i miei per i motivi che già sapete):

Vuoi discutere di questi argomenti e rimanere aggiornato su ogni novità? Iscriviti gratis al nostro gruppo Facebook. 🙂

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: