Seleziona una pagina
sono brutto e nessuna mi vuole: meme divertente

Ho deciso di scrivere questo articolo visto che il precedente sui 5 pilastri dell’attrazione e soprattutto quello sull’autostima ci hanno lasciati con delle domande irrisolte. E il buon ChrisV di domande ne ha poste parecchie, specie sul tema estetica.

Ovvero, non è chiaro il solito annoso problema del belli vs brutti. E quanto la bellezza impatti poi nelle dinamiche di attrazione. Oltre al fatto: quando posso dire che sono “spacciato”? E quindi ormai il mio valore è così basso che uscire da lì diventa una fatica senza fine? Oggi risponderemo a queste domande.

Ma veniamo a noi e a questo stupendo tema che, di fatto, apre un vaso di pandora infinito. Un vaso di pandora che ha, al suo interno, molti contenuti e temi validi ma che allo stesso tempo porta moltissime persone al più profondo sconforto.

Partiamo da un concetto fondamentale e non banale.

Si ok bro, ma tu sei bello. Smettila di rompere i coglioni

Lo capisco. Uno pensa di essere brutto e che nessuna lo vuole, poi arrivo io che ormai assomiglio a un modello o quasi e pensi: “ok, questo mi sta pigliando per il culo”.

Ci sta. Uno dei motivi per cui sono davvero poco motivato a mettere le mie foto su questo sito, per quanto in moltissimi sappiano benissimo chi sia e come sia fatto, è proprio che mi sento dire molto spesso questa frase abbastanza disarmante. Devo dire che ai tempi che furono pensai anche io la stessa cosa di alcune delle persone che presi per riferimento ai tempi. “Si ok, ma figa questo sembra un modello, per forza che scopa a pressione”.

Mi ricordo persino due episodi abbastanza disarmanti in merito. Una volta approcciai un gruppo di ragazze, iniziai a fare il simpatico e le mie solite “tecniche” per creare interesse. Questo mio amico, che sapevo essere fortissimo (e anche molto figo), non disse proprio niente. Venne semplicemente con me. La più figa di questo gruppo si stacco, gli andò a fianco e cominciò a parlargli dal nulla isolandosi con lui. Lui non fece proprio niente.

Un’altra volta, uscii con un mio amico alto ed esteticamente molto figo. Faceva palestra da almeno una decina d’anni. Era imbarazzante vedere come nonostante il fatto che fosse palesemente a disagio in discoteca, due ragazze vennero per baciarlo. Di cui una gli prese la testa e se lo limonò senza dire proprio niente!

Pensai: altro che tecniche! Basta essere un figo spaziale e ovvio che la figa ti piove dal cielo… si, più o meno, circa, o forse no.

Diciamo che il mio voler diventare così figo da essere scambiato per modello risale a quando il mal di schiena che avevo ai tempi arrivò a dei livelli tali da rendermi impraticabile l’andare in discoteca. Avessi avuto le conoscenze di oggi probabilmente mi sarei rimesso in sesto nel giro di 3-4 mesi e senza spendere le centinaia di euro che spendetti all’epoca. Tuttavia, ai tempi il dolore era così debilitante che dovetti abbandonare in blocco l’approccio in discoteca.

Motivo per cui mi ritrovai praticamente a dover conoscere ragazze esclusivamente tramite i social, in particolare Tinder. Sembra una cosa di poca importanza ma per me fu un dramma. In discoteca ero molto forte, sui social qualcosa combinavo ma generalmente ero un disastro. Non mi ci ero mai dedicato più di tanto.

Tinder, non avendo foto particolarmente belle o dove spiccassi granché, era infatti un bagno di sangue. Avendo il sito in cui raccontavo delle mie peripezie con altre ragazze qualcosa riuscivo a combinare. Buttandola quasi subito sul discorso seduzione qualcuna di incuriosita la riuscivo a trovare. E magari decideva di uscire con me nonostante il mio profilo fosse tutto fuorché particolarmente interessante.

Tuttavia, stanco di fare tutta questa fatica e avendo un mio amico che a più riprese mi diceva di farmi foto professionali, mi stancai e pensai: OK! Vediamo se investire sull’estetica serve a qualcosa. Totalmente convinto che sarebbero stati soldi che avrei preso e buttato direttamente nel water.

Partii tranquillo visto che un mio amico si propose di farmi delle foto professionali con una Nikon D3400 e un 50mm 1.8 gratuitamente per “sponsorizzarsi” nella nicchia della seduzione. Ne parleremo in articoli dedicati, tuttavia si tratta di una macchina fotografica entry level che però se si sa usare può sfornare delle foto decisamente interessanti.

Avendo fatto 5 anni di improvvisazione teatrale, avendo un bel giubotto in pelle pagato anche parecchi soldi ed essendomi esercitato per mesi sul sorriso in ottica approccio a freddo, riuscii subito a tirare fuori delle foto davvero buone. Tra cui una del viso che uso anche tutt’ora visto che su Photofeeler, adeguatamente ritoccata, totalizzò 10.0.

Dopo aver messo le prime foto professionali la storia cominciò a svoltare in positivo. Le ragazze mi matchavano molto di più ed erano generalmente molto più interessate. La fatica che facevo nel cercare di conquistarle si dimezzò se non anche di meno. Pensai: wow! Figata, sta funzionando.

Da lì ho cominciato a investire tantissimo sia sull’estetica, che sulla palestra che sulla fotografia vedendo che più miglioravo più i match aumentavano e la recettività delle ragazze saliva sempre di più.

Quindi potresti concludere che se sei brutto sei fottuto e che il regno della seduzione è ad appannaggio dei belli? La risposta è che…. si… e no.

Quando ho parlato di attrazione non ho volutamente parlato di estetica. Perché sennò non avrei potuto spiegare il fatto che un mio studente pesasse più di 130kg, vestisse in modo molto banale… eppure è uscito e ha fatto sesso con alcune delle ragazze più fighe di Milano, per poi fidanzarsi con una ragazza che esteticamente sarebbe di livello molto alto penso per chiunque.

Oppure che 3 miei ex studenti avessero il morbo di Chron e fosse per loro praticamente impossibile allenarsi (quantomeno a delle intensità tali da mettere su abbastanza massa muscolare da fare la differenza in ottica seduzione). Eppure sono riusciti a fare sesso serenamente tutti e tre.

Figa, quindi funziona o non funziona???

Cosa succede se diventi un figo spaziale

(Non sono io, è un “figo a caso” trovato su instagram :-))

Un dettaglio che forse ti può essere sfuggito è che… io già riuscivo a uscire, rimorchiare e fare sesso con delle ragazze molto belle anche prima che avessi delle super foto professionali di stocazzo ahah 🙂 ero brutto e senza speranze con le donne? Magari no, ma di certo non ero un modello.

La prima foto professionale di cui parlo sopra me la scattarono a fine 2018. Il 2019 avrei dunque dovuto raddoppiare o triplicare o quadruplicare i risultati del 2018… no?

…no. Numericamente parlando siamo circa sulla stessa cifra. Solo del 6% superiore.

Lo ripeto: in termini meramente numerici realizzativi, l’aver investito su foto professionali, mi ha portato a un incremento del 6%. Quasi irrisorio considerato l’effort che ci ho messo.

Ora va anche detta una cosa: è solo merito delle foto? Nel mentre avevo iniziato a spingere tantissimo sulla palestra. Ho risolto tante problematiche e paranoie. Quindi forse questo 6% è solo merito delle fotografie? In realtà no. Potrebbe anche solo rientrare in una fluttuazione statistica vista la percentuale.

Per dire, l’aver messo un video di me che squattavo 147.5kg, mi ha permesso di raddoppiare il numero di match quotidiani che facevo. Raddoppiare. E va detto che ora di massimale ho 192.5kg, quindi 142.5kg non sono neanche chissà cosa (neanche 192.5kg, ma tralasciamo :-)).

Quindi, come figa lo spieghiamo questo 6% scarso di incremento?? Il motivo è che:

  • Oltre a essere matchato da più ragazze anche la qualità delle stesse è aumentata vertiginosamente. Pertanto dopo qualche settimana i miei standard si sono alzati parecchio. Pertanto il numero di ragazze “interessanti” è rimasto circa invariato. La differenza è che prima erano “belline”, ora era “veramente fighe”.
  • Spostando in alto l’asticella era anche molto più facile che mi innamorassi. Il che per forza di cose ti portava a relazioni più lunghe o a incasinarmi psicologicamente. Facile fare sesso e basta con ragazze che ritieni al di sotto dei tuoi standard, la parte difficile è farlo con ragazze bellissime che sarebbero da sposare. Dopo un po’ la cagata mostruosa che stai facendo ti sembra sempre più evidente. Il che, in termini meramente numerici, faceva scendere il totale annuale. Motivo anche per cui negli anni successivi è crollato fino a un bellissimo “zero” del 2021 essendomi fidanzato felicemente nel 2020.
  • Il limite vero non erano tanto i soldi, che avevo, oppure l’estetica. Il mio limite più grosso era il tempo libero che avevo e, soprattutto, la quantità di stress che riuscivo a sopportare. All’inizio lanciavo tonnellate di boost per riuscire a parlare con qualche ragazza, verso la fine pochissimi. Proprio perché non avevo fisicamente tempo per parlarci. Ero passato da dover lanciare 2-3 boost al giorno a 2-3 alla settimana per avere risultati simili. Infatti, fare 2-3 appuntamenti a settimana era il limite massimo delle mie capacità avendo numerosi impegni e hobby a cui far fronte. Aver aumentato dunque il numero delle ragazze che mi voleva, non aumentava il numero di appuntamenti che riuscivo a gestire.

Quindi, in sostanza, volendola buttare in battuta… aver alzato la mia estetica e la qualità professionale delle mie foto… mi ha portato a distruggere le mie statistiche, portandole a zero fisso ahah 🙂

Pertanto, se non riesci a fare sesso con nuove ragazze non è colpa del fatto che sei troppo brutto. Al massimo, il fatto che sei troppo brutto può voler dire che:

  • la qualità media delle ragazze con cui fai sesso, fisicamente e/o emotivamente, è molto al di sotto di quello che vorresti.
  • devi fare davvero tanta fatica a convincere una ragazza a uscire e fare sesso con te.

Se tuttavia sei a “zero fisso” da mesi se non anni, il problema non è mai di natura estetico, ma di altra natura (di solito di innergame / emotivo).

Per fare un esempio, molti ragazzi “brutti” prima di internet, i porno, instagram, i gruppi di seduzione ecc… si fidanzavano serenamente con ragazze altrettanto “brutte”. Come io che mi fidanzai con una ragazza per 2 anni e mezzo che era tutto fuorché una top model. Come d’altronde non lo ero nemmeno io.

Per fare un altro esempio, c’era un ragazzo che ho seguito secoli fa che era anche lui decisamente sovrappeso. Eppure aveva frequentato ragazze esteticamente di livello altissimo. Ma davvero ragazze che vedendolo non ci avrei mai scommesso neanche a pagarlo.

Lui sostanzialmente le affascinava online in siti dove non bisognava mettere le proprie fotografie, come i forum. E dopo mesi di seduzione passiva, si “mostrava” quando ormai la ragazza era già interessata a lui. A quel punto era così innamorata che l’estetica passava in secondo piano. Certo, gli ci volevano mesi e una fatica mostruosa, ma alla fine ce la faceva.

Questo fa l’estetica:

  • riduce notevolmente i tempi in cui una ragazza è pronta per fare sesso con te. E anche il numero di test che ti farà.
  • ti aiuta moltissimo a posizionarti come ragazzo interessante per le ragazze esteticamente di livello alto o molto alto.
  • predispone le ragazze a risponderti molto più positivamente del solito.

Tuttavia, se sei esteticamente bello e continui a scopare a destra e a manca, non sei fortunato. Sei sfigato. E hai bisogno di dimostrare qualcosa a qualcuno o a te stesso. E io sono stato molto sfigato per molti anni 🙂 e magari ancora lo sono, per altri motivi.

Il funnel che vorrei: a cosa serve davvero l’estetica

Ma quindi, serve. Non serve? Iperserve, non serve a niente… sta estetica?

Usciamo un attimo dalla domanda per farci capire che la dimensione del problema è molto più articolata. Ne riparleremo ma ci diamo un occhio per capire di cosa sto parlando. Secoli fa in una diretta in cui parlai di Tinder, feci questo schema. Ovvero, il funnel marketing applicato a Tinder:

Cominciando a ragionare con quest’ottica riusciamo a capire dove si colloca l’estetica. Immaginiamo di avere un prodotto. Immaginiamo di voler vendere un pallone da calcio.

Ora, questo pallone è bellissimo. Perfetto. Fatto con il miglior cuoio esistente. Ci ha giocato fino a ieri Cristiano Ronaldo nelle gare di allenamento e ci dormiva abbracciato. E’ naturale che un pallone così farò relativamente poca fatica a venderlo. Perché?

Perché, se riesco a certificare queste informazioni e lo metto sui principali siti di vendita online (ebay, subito, ecc.) probabilmente riuscirò ad attirare offerte molto alte.

Almeno, questo è quello che credo.

Infatti, mettiamo che il mio account sia stato appena creato. E dunque nessuno sappia chi io sia. O, peggio ancora, mettiamo che ho solo 3 recensioni. Di cui una è palesemente di mia mamma e le altre 2 sono negative. Molto probabilmente, nonostante il pallone sia di indubbia qualità, non riuscirò a venderlo!

In sostanza, la vendita e il marketing sono materie molto articolate. E riuscire ad applicare questi concetti con successo al rimorchio è ancora più complicato.

Nello specifico dunque è naturale che se hai un pallone bucato, vecchio e fatiscente dirai: “il problema non sono io! Il problema è che sto cercando di vendere un pallone terribile!”

Quello che ti voglio dire è che hai ragione: con un pallone vecchio e bucato non combini niente. Ma anche ce l’avessi bello, nuovo e di qualità, sei sicuro di riuscire a venderlo così facilmente? Molto probabilmente no.

Per esempio, mettiamo che domani dessi in mano a Cristiano Ronaldo un pallone vecchio, bucato e rotto. E gli dicessi di dire in TV che quello è il pallone con cui giocava da bambino e che ci è davvero affezionato. E ci fosse un video dove lui me lo regala. A quel punto tutti saprebbero che io ce l’ho. E dovessi poter anche lasciare un mio contatto, probabilmente in moltissimi mi scriverebbero per avere quel pallone. Anche se, all’atto pratico… non vale nulla!

In altre parole, la vendita e il marketing si basano quasi interamente sulla percezione. Quanto di valore sei percepito sul mercato? Quanto sono disposte le persone a spendere per il tuo prodotto?

Il grosso problema di questo meccanismo è che puoi facilmente sbilanciarti. Ovvero, quando diventi troppo bravo con vendita e marketing… finirai per venderti anche a ragazze a cui non avresti dovuto venderti. Ragazze che al primo appuntamento ti scaricano male o magari fanno anche sesso con te, per poi farti andare sotto un treno e mollarti malamente.

Pertanto, alla percezione dev’essere sempre associata anche della qualità intrinseca. Altrimenti, presto o tardi, la pagherai. Come è successo a me in ambito lavorativo che ho cambiato lavoro più di una volta vendendomi per più competente di quanto non fossi per poi pagarla a caro prezzo successivamente.

Infatti nel periodo in cui stavo fissato con il “conquistarle tutte”, avevo risultati molto migliori rispetto ai “miei amici superfighi”. Perché è vero che molte arrivavano e magari se li baciavano diretti. Ma poi com’erano arrivate se ne andavano anche. Ci sono molti prodotti belli al supermercato, eppure non è che li acquisti tutti. Magari vorresti comprare tutti i nuovi Mac, ma al massimo ne compri uno, e dopo averci pensato a lungo e aver fatto tantissimi ragionamenti. Al punto che quanto è bello il Mac molto spesso finisce per passare in secondo piano.

Pertanto, l’estetica ti aiuta tanto nell’acquisition. Tuttavia, potresti avere problemi in altri punti del funnel e non chiudere nulla comunque. L’estetica non ti risolve tutti i tuoi problemi. Ti rende solo molto più facile l’acquisition, ma potrebbe renderti paradossalmente più difficile il chiudere. “Sei così bello… chissà in quante ti vogliono. Non vorrai mai fidanzarti con me”.

In sostanza dunque il punto non è tanto se sei bello o brutto ma:

  • Quante persone, in questo caso donne, vengono in contatto con te? Se conosci una ragazza al mese il tuo problema non è che sei brutto, ma che sei solo come un cane.
  • Quanto è il tuo valore percepito? Ti conoscono perché sei il capo di un’azienda o perché sei il padrone di una discoteca o perché sei l’insegnante del corso di salsa… o perché sei l’addetto alle pulizie?
  • Hai già controllato di non avere problemi in altri parti del funnel, motivo per cui le cose non funzionano invece che solo la mera estetica?

Entreremo più in dettaglio quando parleremo di Tinder. Ma è giusto per introdurre l’argomento e per far capire che l’estetica è si utile, ma che nell’ottica di un funnel quasi “sparisce” a confronto di eventuali altri problemi di vendita / marketing.

Motivo per cui molti dei ragazzi che ho seguito nel tempo erano persone anche esteticamente belle. Alcuni davvero molto belli. Eppure avevano gli stessi problemi. Magari con ragazze in target di 3 o 4 spanne sopra gli altri esteticamente, ok, ma le meccaniche e le dinamiche erano le stesse. Tanto che una volta presi per gioco il Tinder di un mio amico molto più bello di me. Risposi al posto suo e quando andò all’appuntamento la ragazza stava per saltargli addosso e baciarlo direttamente. Fece poi sesso subito dopo.

Fosse stato lui a rispondere probabilmente avrebbe fatto molta più fatica a concludere, ammesso di riuscirci. Le meccaniche sono esattamente le stesse, quello che cambia sono solo le persone in gioco.

Il vero motivo per cui le donne ti dicono che sei brutto

il vero motivo per cui una donna dice che sei brutto

“Si ok bro, numeri, statistiche, blabla… tutto bello… ma quindi perché le fighe mi dicono che sono un cesso?? E che non vogliono scopare con me per quello?? Mentono!?!? Bastardeeee!11!!”

Dunque, molte ragazze hanno un tatto che è veramente triste e sconcertante. Non che gli uomini siano meglio, anzi, ma raramente il prossimo ti dà dei feedback sinceri e costruttivi.

Quando una ragazza ti dice che sei brutto o che non le piaci fisicamente vuol dire che…

Non vuole fare sesso con te. I motivi possono essere i più vari (non sei al suo livello economicamente, è palese che sei un disperato, si vede che fai continuamente la vittima, sei pesante e/o noioso, ti vesti malissimo, ecc.). Tuttavia, è un modo semplice per una donna per dirti “beh! Sei brutto. Non ci puoi fare molto! Ora lasciami in pace”.

Mettiti un secondo nei panni della ragazza di turno. Riceve attenzioni da parte di numerosi uomini ogni giorno. Come fa a scrollarsi di dosso una persona che per qualche motivo non le va che continui a dargliene? La colpisce dritta nell’autostima. E soprattutto le dà un giudizio all’apparenza incontrovertibile. “Non sei il mio tipo”… cosa le puoi rispondere a una frase del genere?

Mettiamo infatti che ti dica: “guarda, guadagni troppo poco. 1200€ al mese? Bah. Meno di 2000€ non ti considero neanche”. Ecco, a quel punto potresti capire come fare 2000€ al mese, tornare e pretendere che lei ti consideri.

Se invece ti dice che “non sei il suo tipo”… beh, sei fuori gioco. Levati dal cazzo! Facile no?

In sostanza non importa che test hai fallito, non importa che magari il motivo vero è che sei pesante, noioso, passivo/aggressivo, vittima o testa di cazzo o che ti vesti male o che è palese che non guadagni un quattrino… la ragazza di turno ti tira fuori questa scusa per darti un motivo razionale qualsiasi che non puoi tirare fuori per rifarti avanti in futuro. E si è tolta il problema. Tanto di uomini che ci provano ce ne saranno sempre, chi se ne frega di lasciarsi aperta una porta in futuro.

Metti che ti dice che sei stato troppo aggressivo con lei. Cosa faresti? “Oh scusami! Ti prometto che non lo faccio più. Cambio!”… si certo. Per un giorno o due magari saresti anche credibile. Ma se hai introiettato quel comportamento, per un po’ riuscirai a fingere, ma dopo tornerai in quei comportamenti se non riesci a capire come sistemarli definitivamente.

Inoltre, a volte magari non sono davvero cattive. Semplicemente hai degli atteggiamenti figli di problematiche profonde che sono “asciuga figa” e quindi ti rifiutano. Solo che non sapendo bene che scusa propinarti ti danno quella che vale un po’ come jolly e va bene sempre.

Ti immagini una ragazza che ti dice: “figliolo, il tuo problema è che hai un funnel che non sta in piedi. Dovresti investire in una moto per fare delle foto da mettere su Tinder e quindi aumentare il tuo valore percepito”. Non credo 🙂

Sembra una stronzata… ma ho avuto ex che hanno fatto sesso / hanno frequentato ragazzi anche solo perché avevano una Kawasaki Ninja. Alcune te lo dicono, molte altre ti dicono solo che tu sei brutto e quindi ti attacchi.

Un brutto che ha capito il funnel

Uno YouTuber che è perfetto per questo argomento è JumboDrillo. E ha fatto un paio di anni fa un video proprio su questo argomento.

Ha infatti scoperto che gli davano del brutto vero per via dei suoi tratti stupendi e incredibili 🙂

Tuttavia, il buon Jumbo, le sue pinzate le ha date. Certo, ha avuto un cargo di delusioni sentimentali. Eppure, con tutta la visibilità che gli sta dando YouTube, immagino che le tipe che gli mandano le foto nude ce le abbia anche lui.

I motivi sono che:

  • Da un punto di vista acquisition il suo canale spacca e raggiunge davvero tanta gente. Poi ha la capacità di fare video divertenti che non di rado raggiungono anche le tendenze.
  • E’ autoironico e per molti tratti “leggero”. Non è un palloso represso con le manie di persecuzione. Certo, fa il “finto depresso” con manie di suicidio, ma nei video quantomeno è sempre molto allegro e spensierato nonostante parli di temi assolutamente “anti figa” (nazismo, feticismo dei piedi, ecc.)
  • Tra YouTube e vari business che ha iniziato comincia a guadagnare abbastanza bene. Non parliamo di cifre astronomiche, ma comunque ha i suoi introiti onesti.

Uno come Jumbo dunque non mi stupirebbe che nonostante un’estetica di certo non da modello, non avesse troppi problemi con le ragazze. E anche se ce li avesse, sarebbe relativamente semplice sistemare la cosa. Cosa diversa invece sarebbe riuscire a fargli avere una relazione.

In quel caso per dire il problema si sposterebbe dalla mera acquisition, dove con il canale va forte, alla retention. Ovvero quando il cliente ritorna e riacquista.

Il problema di Jumbo è che si autosabota tantissimo. Ma a dei livelli vergognosi. Vedendo per dire un video in cui presenta una sua ex ragazza:

Ai tempi stavano assieme e già parte dicendo: “vi presento la mia ex”. Può sembrare un dettaglio trascurabile o una battuta ma io non presenterei mai la mia ragazza così.

In ogni caso, senza saper ne leggere ne scrivere, sono stati assieme circa un anno.

Questo per dire che pure il buon Juj, brutto vero, il re degli sfigati ha avuto un relazione. E persino discretamente duratura. Pure una ragazza che, per quanto mi riguarda, non era neanche male. Relazione che probabilmente con i giusti input e sapendo cosa fare potrebbe essere durata molto molto di più.

Pertanto… se pure lui, che è il re dell’antifiga, il cesso per definizione (ti voglio bene Juj), il maschio zeta per antonomasia (dai Jumbo per farmi perdonare ti faccio un po’ di pubblicità gratis, lovvami) è riuscito ad avere una relazione… vuol dire che puoi avercela anche tu.

L’unico dettaglio è… tu ce l’hai un canale YouTube con 570mila iscritti? Il video della sua ex ha fatto 1.204.032 visualizzazioni. Un milione e duecento mila.

Il punto è sempre lo stesso:

  • avere valore (in questo caso nemmeno eccessivo)
  • avere un funnel potente che ti fa entrare i clienti (in questo caso le ragazze)

Più ovviamente ai sempre verdi 5 pilastri dell’attrazione.

Perché vuoi sentirti dire che sei spacciato

essere spacciati nella seduzione

Un grandissimo problema della community della seduzione sono le aspettative totalmente irrealistiche che si creano leggendo certi racconti online.

C’è gente che magari fa sesso con 5 ragazze diverse in una settimana, che fa le orge, che ha la fidanzata bisex con cui va a festini, ecc.

Ora arrivi tu che magari sei vergine e dici “wooot”. Cominci a studiare, ti impari le tecniche…e figa, non funziona un cazzo. Oh ma i festini quando arrivano?

A un certo punto vuoi semplicemente che arrivi uno e che ti dica: “bro senti, sei brutto. Lascia perdere”. Lo vuoi con tutto te stesso. E quando ciò avviene è fottutamente liberatorio. Per un motivo molto semplice: smetti di sentirti un fallito.

Non sei tu che non sei in grado. Non sei tu che stai sbagliando qualcosa. Non sei tu che sei scemo e non riesci a capire 4 regole in croce palesi a tutti gli altri… è che sei brutto.

Sembra triste e devastante pensare che se sei brutto sei spacciato, invece è come la fine di un’agonia. E’ poter chiudere una porta che dava solo sul dolore e potersi dedicare ad altro. E’ fottutamente liberatorio. E pure io quando feci così fu per me una rivelazione incredibile.

Poi dettaglio vuole che quando pensai così la prima volta sfiorai un threesome e feci sesso in un’ora e mezzo con una ex cubista del locale in cui ero, ma dettagli.

Il punto è che quando accetti il fallimento, accetti che non devi per forza ottenere il risultato. Accetti che chi se ne frega se anche non sai sedurre e non sei il figo di turno che le sdraia tutte… figa all’improvviso hai il potere. Hai il potere perché ormai non ti frega più di impressionare gli amici con la più figa che riesci a tirare su. Ma finalmente cerchi una ragazza perché ti piaccia veramente.

Motivo per cui poi ti sembra di essere diventato un vagina-magnet. Perché a quel punto le ragazze sei tu che le testi e non loro. Sei tu che le valuti realmente per capire se possono piacerti e non loro. Ribalti il gioco e sono sconvolte e iniziano a fare di tutto per voler stare con te.

Se hai valore, come ce l’avevo io, è immediatamente palese ed evidente. Se ne hai meno magari ci vuole un po’ di tempo, ma dopo un po’ sarà quasi inevitabile fidanzarsi o comunque iniziare a notare un miglioramento esponenziale.

Tutti noi dovremmo accettare di essere brutti. Di non poter piacere a tutti. Di soprattutto non piacere alle megafighe leggendarie (scherzo). E cominciare a smetterla con questa fissa dell’estetica a tutti i costi e iniziare a cercare di capire davvero se la ragazza che hai davanti, a prescindere dalle tette, ti può piacere veramente frequentarla. O se le tette implicheranno solo sofferenza e rotture di coglioni perenni.

Diventa il Golden Standard

Concludo con un dettaglio per cui ci può venire in aiuto sempre lo stesso Jumbo.

Vedendo come si veste, come si atteggia, i suoi argomenti, i suoi feticismi ecc… sicuramente non lo puoi inquadrare come “lo standard”. Come la persona “normale” per antonomasia. Quel tipo di persona che presenteresti ai tuoi genitori e, specialmente, gli mostreresti i video. Non esiste proprio.

Ecco, immaginati invece che sei donna e ti fidanzi con zio Zac Efron:

E’ inattaccabile. Esteticamente perfetto. Sia di viso che fisicamente. Foto di qualità. 3 milioni di like. 50 milioni di follower. Dici a tua madre che lui ti vuole sposare… hai vinto. Hai così tanto vinto su tutta la linea che se dovesse dirti che ti vuole trombare te lo trombi. Pure dovessi essere un uomo 🙂

Per questo motivo più un ragazzo si avvicina al Golden Standard più gli grandinano ragazze in testa. Più invece è distante da quello standard, meno risultati ottiene. Come si evince dal grafico a inizio capitolo.

E’ il motivo per cui a un profilo così una donna metterebbe like in automatico. Se vedi uno qualsiasi dei film “da donna” dove si mettono su una dating app, sono tutti uguali. Te ne metto alcuni giusto per simpatia.

Cercano l’uomo “perfetto”, “inattaccabile”, che non ne sbaglia una, che se lo presenti ai genitori non fa brutta figura, non dice parolacce e che va tutto alla grande.

Magari dicono che non è così per paranoie loro… ma poi finiscono sempre per cercare quello perfetto di cui innamorarsi.

Se lo meritano? Spesso no. Le protagoniste sono volutamente dei mezzi disastri che naturalmente trovassero davvero un ragazzo così, fuggirebbe a gambe levate. Eppure hanno questa aspettativa super irrealistica su quello che vogliono. Morale della favola: più ti avvicini allo standard perfetto (esteticamente, lavorativamente, come modo di porti con lei, a livello di social ecc.) più ti piovono le ragazze addosso.

Questa cosa si accentua ancora di più quando sei in un paesino. Nessuna vuole rovinarsi la reputazione. Tutte cercano di fare “l’affare”. Il vincere lo “scapolone d’oro” nella speranza di far vedere alle ragazze il loro nuovo “acquisto”. Quasi fossi una macchina nuova. Immagina di mostrare agli amici la tua nuova Lamborghini… o la tua nuova panda usata scassata che perde benzina. E’ molto diversa la cosa.

La parte davvero difficile però è cambiare consapevolmente i propri comportamenti, atteggiamenti e pure mentalità per arrivare allo standard. Dovessi andare da Jumbo a dirgli che il suo dark humor lo deve rivedere, come la prenderebbe? Un casino, non sarebbe disposto a farlo. Oppure le frecciate o certi suoi comportamenti esasperati? Non vorrebbe farlo. O lo smettere di guardare il culo alle ragazze che passano? Oddio, vado retro.

Il più grande problema degli studenti che ho seguito non era che dovevano sapere cosa fare, era farlo. A un certo punto un mio studente ha accettato di fare tutto quello che gli dicevo perché era disperato. Alla fine mi disse che non sapeva più chi era, era come se la sua stessa identità fosse stata zappata via e sostituita interamente. Non si riconosceva più. Era come se avesse dovuto vendere la sua anima al diavolo per farsi dire “ti amo” da una donna.

E’ questo che si intende con “fare un lavoro a livello di identità”. Le persone credono che certi pensieri, certi modi di fare, certe mentalità siano ormai parte integrante della loro esistenza. Peccato che ragionando così hanno solo ottenuto risultati mediocri o nulli fino a quel momento. Ma eradicare quella che per loro è ormai la loro “personalità” per installare una personalità che funziona è un bagno di sangue.

Certo, una volta fatto il mio studente è stato molto contento e soddisfatto. Però si sentiva come svuotato, come se non fosse stato lui a riuscirci. Proprio perché il punto è sempre lo stesso. Non vuoi trovare “l’algoritmo che funziona”. Non vuoi “scopare tizia o caia” perché hai voglia di fare sesso. Altrimenti andresti a prostitute. Vuoi scopare tizia o caia perché ti “validino”. Perché ti dicano che così come sei va bene. Perché finalmente ti amino così come sei.

Sbagliato, disagiato, irrimediabilmente rotto, non importa… devono adorarti e idolatrarti per come sei. Devono cambiare loro che sono solo delle stronze! Non tu! Infatti se poi dovessi cambiare e dovessi sentirti dire che ti amano, a livello di autostima, è una caporetto gigantesca. E’ come dover ammettere di essere così tanto sbagliato da essere stato costretto a cambiare. Terribile!

Ed è proprio questo il punto: se ciò che hai fatto fino ad adesso non funziona, non c’è un modo per farlo funzionare. Devi cambiare. E molti non sono disposti ad accettarlo. Anzi, sarebbero disposti a morire pur di non doverlo fare. Lo stesso valeva per me naturalmente. Riuscire a farlo da solo è stata una fatica mondiale.

Se tuttavia fossi perfetto nei modi, negli atteggiamenti, nella mentalità, nelle risposte ecc… fidati che tantissime ragazze sarebbero disposte a metterci una pieta sopra la tua estetica. Anche due di pietre. E lo so per averlo visto con i miei occhi.

Piccola nota: dunque perché il bad boy piace allora? Per esattamente lo stesso motivo! Voglio far incazzare il mio ex? O i miei genitori? Oppure mi sento che non voglio una relazione perché sono stata appena scaricata?

Ecco! Perfetto! Mi scelgo una persona che MAI NELLA VITA prenderei in considerazione come fidanzato e mi butto tra le sue braccia. Facile no? Perfetto… il problema è che questo è il modo per accedere al sesso facile, ma frequentare una ragazza con questi presupposti… è la morte.

Però questo è il tema perfetto… per un altro magico articolo 🙂

Estetica funzionale

brutto e spacciato anche se palestrato

Il problema è che lo standard mio può essere diverso rispetto allo standard di qualcun altro. Questo standard può cambiare enormemente in base a quelli che sono i miei scopi a livello agonistico. Di palestra abbiamo già parlato, ma qui ne parliamo in ottica di quali risultati otteniamo in ottica estetica.

Mettiamo, per esempio, di voler gareggiare come:

  • maratoneta
  • nuoto
  • moto
  • calcio
  • strongman
  • bodybuilding
  • weightlifting
  • powerlifting

I primi tre avranno necessariamente degli allenamenti molto più orientati al cardio. Il maratoneta e il pilota di moto molto probabilmente avranno un’estetica quasi da “rachitico”, molto di più degli altri atleti.

Volessi approfondire, questo è l’allenamento di Naska e di Salvadori, due motociclisti:

E nota: quello di destra nell’immagine, Salvadori, è molto più grosso del dovuto perché lui per genetica tende a mettere su massa. Questo per dire è il fisico di Valentino Rossi, il più grande campione di moto mai esistito:

Il bodybuilder poi magari uno può pensare che sia il tipico fisico che piace alle ragazze. In realtà anche nel bodybuilding ci sono tantissime sfaccettature. Per esempio, “l’apoteosi” del bodybuilder è uno che ha la fisicità di Andrea Presti.

Nella foto a destra è realmente “migliorato” seduttivamente parlando? Non credo. Però dipende sempre che tipologia di ragazze vuoi frequentare. Se vuoi frequentare le iperfissate del bodybuilding che fanno anche loro gare e probabilmente che si dopano anche loro, la sua nuova fisicità è la migliore che potesse raggiungere.

Nel caso di Andrea il punto è più un altro: gliene frega qualcosa della figa? Penso molto poco. Il suo obiettivo è diventare enorme e vincere l’Olimpia. Poi che ci sia la figa bene, ma se non c’è va benissimo lo stesso.

Se invece vuole avvicinarsi più allo standard per essere “apprezzato dalla massa”, il fisico di sinistra è generalmente più efficace. Massa che probabilmente il buon Presti schifa come la morte. Quindi l’iperspecializzarsi come bodybuilder lo aiuta soltanto nell’attrarre solo quelle che gli possono interessare davvero.

Faceva bodybuilding in entrambe le foto, eppure le fisicità sono totalmente diverse. Dipende sempre qual è il tuo target.

Potresti, per esempio, pensare che a nessuna freghi molto delle moto. Invece è pieno di ragazze fissate per la moto. Ma molto di più degli uomini. Per esempio, Giulia è una motociclista:

E potrai trovare tantissime ragazze fissate per le varie discipline. Da quelle che stanno in fissa per il weightlifting, al crossfit che ora va parecchio, al bodybuilding, al powerlifting… a persino il calcio.

C’è chi per dire giocando come numero 10 della squadretta del paese finiva per fare sesso con un sacco di ragazze che magari erano le amiche o le sorelle o le ex di qualche suo compagno di squadra o dei compagni di squadre rivali.

Il punto è sempre lo stesso: avere un funnel marketing efficace e calibrato per il tuo cliente. Una ragazza che fa weightlifting sarà impressionata facilmente da un ragazzo che fa weightlifting, magari anche da uno che fa powerlifting o bodybuilding o crossfit. Mentre molto difficilmente prenderebbe seriamente uno che fa il maratoneta o tanto cardio. Perché? Perché le fisicità sono molto differenti. E’ anche uno dei motivi per cui non poteva funzionare con la mia ex. Era troppo fissata con il cardio e io per niente.

Tuttavia, se nessuno sa chi sei e nessuna viene a conoscenza della tua esistenza… non tromberai comunque. Saperti vendere, dal vivo e online, è quello che fa realmente la differenza.

Il problema però qual è? Che quelli che se ne vengono fuori lagnandosi che sono brutti e che sono spacciati, questi ragionamenti sono anni luce dal farseli. Perché? Perché molto spesso sono sempre seduti sul divano, con la pancia, dicendo che per loro non c’è nulla da fare e non ci provano nemmeno ad allenarsi e vedere se qualcosa cambia. Piangono e basta. “Eh, ma non ho il bel faccino”.

Non solo non hai un bel faccino. Ma:

  • Non ti alleni dalle guerre puniche.
  • Probabilmente ti vesti anche male o malissimo.
  • Hai probabilmente delle foto che non ti valorizzano per niente.
  • Non hai valore e/o guadagni poco.
  • ecc.

In sostanza, sei spacciato non perché l’universo ti ha condannato, ma perché sei tu che per anni non hai fatto le cose necessarie per aver successo. Puoi continuare a non farle o decidere di cambiare e iniziare oggi. Gratuitamente. Prendendo esempio dalle cose che ho citato.

Poi ho avuto un caso rarissimo di un ragazzo che si allenava, aveva i soldi e faceva tutto perfettamente eppure ancora riceveva i suoi “eh, ma sei brutto”… ma lì è stato veramente un caso quasi più unico che raro. Motivato solo da una mentalità totalmente fottuta perché incentrata sul sesso a pagamento, masturbazione, eccessi vari (alcol, sigarette) e una mentalità negativa continua e devastante.

Lì naturalmente il lavoro è stato qualcosa di più ad hoc e personalizzato, ma tranne questi casi rari o rarissimi, il 99.9% di chi leggerà questo post avrà i problemi che ho detto precedentemente.

C’è sempre un modo per sistemare le cose. Il problema è che spesso non è facile, quasi sempre non è divertente e ancora più spesso implica il dover completamente rivedere la tua identità e le scelte che hai fatto finora.

La bellezza delle donne è sopravvalutata

spesso chi vuole una ragazza bellissima in realtà è che è lui a essere brutto

Visto che l’articolo è già bello lungo sarò breve. Molti pensano che stare con una superfiga faccia la differenza e solo con una megafiga saranno finalmente felici.

I motivi per cui si convincono di questa cosa sono i più vari. Spesso perché si sentono brutti, sfigati e falliti e quindi vogliono che una persona che secondo i loro schemi ha successo li validi. Li faccia sentire ok.

Tuttavia, essere belli, fighi, desiderati dalle donne, ecc. non vuol dire “essere di successo”. Volessi essere più desiderato dalle donne dimagrirei e starei a una percentuale di grasso corporea molto più bassa. A breve scenderò parecchio di peso per vedere che risultato estetico tirerò fuori, ma poi probabilmente punterò a raggiungere i 90-93kg. Che sono molto oltre il mio peso forma. Sarò sicuramente “grasso” e molto poco estetico.

Tuttavia, per quelli che sono i miei obiettivi di lungo periodo è un qualcosa che ha senso. La mia ragazza è vero che è bella (almeno, secondo me e il buon Photofeeler) ma la sua estetica è molto secondaria ad altre caratteristiche che ha. Quando ero single avevo accesso a molte ragazze belle. Non era tuttavia un criterio sufficiente per considerarle adatte a una relazione.

Chi si fissa tantissimo sull’estetica delle donne è perché le vede come una striscia di cocaina. Un qualcosa che ti dà validazione, ti fa sentire bene, ti fa dimenticare per qualche istante di quanto sei fallito. Un bel trofeo da mostrare agli amici per fargli capire che si sbagliano. Non sei uno sfigato!

Se sei così è ovvio che la cerchi sempre più bella, più giovane, più “estrema”. Questa è però una visione da pieno pattern evitante e ti impedisce di costruire una famiglia e delle fondamenta per un futuro ad alto investimento.

Conclusioni

Ancora non ti ho convinto vero? Vuoi sentirti dire che sei spacciato? Beh, se sei arrivato a questo punto e ancora non ti ho convinto… lo sei 🙂

Purtroppo non tutti si possono salvare e alcuni semplicemente devono rinunciare a questo magico mondo della seduzione. Pazienza! Ci sono tantissime cose interessanti. Puoi dedicarti alla fotografia, all’arrampicata sportiva, alla programmazione, ai film… ci sono tantissime cose da fare. Molto più interessanti della seduzione.

Dovessi rendermi conto di essere un fallito a suonare la chitarra non ne farei un dramma. Semplicemente smetterei o lo farei nella mia cameretta senza aspettative e fregandomene se poi viene bene o male. Metti che per sbaglio rimorchi qualcuna e ti ci fidanzi… beh! Ben venga. Almeno però non ci avrai speso l’esistenza a stare male e frustrarti per qualcosa che non riesci a cambiare.

Se invece lo dovessi voler cambiare… beh, lasciami un commento se hai domande e iscriviti alla mailing-list per i prossimi articoli 😉

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: